FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La madre del terrorista italiano: "La colpa è stata di internet, dal suo sguardo ho capito che era radicalizzato"

Le rivelazioni di Valeria Collina: "Youssef era diventato molto duro con se stesso pretendeva che la sorella portasse il velo"

E' circondata da giornalisti e tv la casa di Valeria Collina, 68 anni, la madre di Youssef Zaghba, il terzo attentatore di Londra morto durante l'attacco terroristico del 3 giugno. Rilascia poche dichiarazioni ma ci tiene a far sapere che la sua non è una famiglia di islamici radicalizzati: "La colpa è di internet, lì mio figlio si è radicalizzato e io me ne sono accorta dal suo sguardo, diventato più cupo".

La casa del terrorista italo-marocchino

"Era molto rigido, aveva bisogno di una struttura esterna" - "Nell'ultimo anno, quando sono andata in Inghilterra, Youssef era più rigido. Poi ho intuito che c'era stata una radicalizzazione sui principi e sulla fede dell'Islam. E questo è avvenuto in terra inglese", ha raccontato la donna. "Lui - ha aggiunto - pretendeva molto da se stesso, era molto rigido, non riusciva ad essere quello che voleva e gli serviva una struttura esterna che gli desse sicurezza. Penso che sia stato quello a spingerlo nelle braccia dell'estremismo".

"Prima ero tranquilla, perché lui lavorava molto" - "All'inizio il terrore di Youssef era quello di essere arrestato - ha proseguito Valeria - poi ha riavuto il passaporto e gli ho detto: tu a questo punto devi essere perfetto, non devi guardare neanche mezza cosa strana in internet, devi conoscere le persone giuste, fare le cose giuste. Lui lavorava molto: era questo che mi faceva stare tranquilla. Quando lavorava in questo fast food pakistano lavorava anche dieci ore. Veniva impiegato come cuoco e come cameriere".

La casa di Valeria Collina si trova in una stradina residenziale della frazione Fagnano di Valsamoggia. In queste ore è assediata dai media internazionali, che vogliono sapere tutto sul terzo terrorista di Londra, l'italo-marocchino Youssef.

La donna convertita all'Islam, sposata ad un marocchino con cui ha avuto due figli, Youssef e la sorella Khaoutar che vive a Bologna, è tornata a risiedere in Italia da meno di due anni, mentre il marito da cui si è separata, così raccontano i vicini, è nel paese del Nord Africa, a Fes, dove è nato anche Youssef.

Gli ultimi giorni sono stati di angoscia per lei, fino a quando la Digos le ha detto che il figlio 22enne, con cui non riusciva a mettersi in contatto da alcuni giorni, era morto. "Mi ha chiamato al telefono giovedì scorso, nel primo pomeriggio - ha raccontato in un'intervista esclusiva all'Espresso online - e con il senno di poi mi rendo conto che quella nei suoi piani era la telefonata di addio. Pur non avendomi detto niente di particolare, lo sentivo dalla sua voce". "Già il giorno dopo non rispondeva più" e anche i tentativi di rintracciarlo attraverso un suo amico a Londra vanno a vuoto.

La madre voleva fermare il figlio - La madre ha sempre collaborato con gli inquirenti, fin da quando, a marzo 2016, la chiamarono perché avevano fermato Youssef all'aeroporto, con un biglietto di sola andata per Istanbul, il passaporto e un semplice zainetto. Implorò gli inquirenti: non fatelo partire. "In passato, ancora prima che cercasse di prendere quel volo - ha raccontato nell'intervista la donna - mi mostrò qualche video sulla Siria. Ma non mi parlò mai di andare a combattere. Per lui la Siria era un luogo dove si poteva vivere secondo un Islam puro".

"Controllavamo le sue amicizie" - Lunedì è stata di nuovo sentita dagli investigatori e non avrebbe fornito informazioni particolari. Non sapeva molto di quello che faceva Youssef in Inghilterra, pensava che lavorasse regolarmente. "Abbiamo sempre controllato le amicizie e verificato che non si affidasse a persone sbagliate", ha detto. A casa invece si arrabbiava con la sorella, che vestiva (secondo lui) troppo all'occidentale e non indossava il velo.

"Il problema è internet" - Ma a Londra, in quel quartiere che "non mi ha mai trasmesso serenità" "ha frequentato le persone sbagliate". "Aveva però internet ed è da lì che arriva tutto. Né in Italia né in Marocco, dove studiava informatica all'Università di Fes, si era mai lasciato trascinare da qualcuno". Molto religiosa, gira con il velo sul capo, secondo qualche vicino "sempre tutta coperta". Ma condivide la posizione degli Imam che non vogliono celebrare il funerale del figlio: "E' necessario - ha detto - dare un forte segnale politico, un messaggio ai familiari delle vittime e ai non musulmani".

A Fagnano Youssef è tornato due volte nell'ultimo anno e mezzo. "L'ho sempre visto come un bravo ragazzo, che parlava poco. Però, poi, con le persone bisogna starci in mezzo", ha detto Franca Lambertini, zia della madre, residente nella casa di fronte. "L'unico membro della famiglia che ha vissuto qui è la madre che era conosciuta, ma da diverso tempo non si vedeva in giro - ha confermato il sindaco di Valsamoggia, Daniele Ruscigno -. Anche lei ha vissuto diverso tempo all'estero".

Secondo fonti diplomatiche, Youssef risultava tecnicamente iscritto all'Anagrafe italiani residenti all'estero a Casablanca, in Marocco, fino al marzo 2016. Poi risulta rientrato a Fagnano, mentre a Londra, dove pure pare abbia vissuto negli ultimi mesi, non si sarebbe mai registrato. Sul campanello della casa di Valsamoggia, invece, c'è il suo nome.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali