FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ferrara, trovato il cadavere del 73enne rapito: slovacco confessa lʼomicidio

Il corpo del pensionato, a testa in giù con mani e piedi legati, era in un casolare abbandonato. Gli inquirenti cercano una terza persona

Ferrara, trovato il cadavere del 73enne rapito: slovacco confessa l'omicidio

A testa in giù, con mani e piedi legati. Così, in un casolare abbandonato, è stato trovato il cadavere del 73enne Pierluigi Tartari. L'uomo era stato sequestrato nella sua casa di Aguscello (Ferrara), il 9 settembre da una banda di malviventi che poi aveva utilizzato il suo bancomat. A indicare dove era il corpo è stato Patrick Ruszo, 19enne slovacco, che ha confessato: "L'ho ucciso con altri e il cadavere lo abbiamo abbandonato in aperta campagna".

Gli inquirenti sono arrivati allo slovacco tramite un controllo della Polfer a Padova. Ruszo era a bordo del treno Bologna-Venezia quando gli agenti lo hanno controllato e bloccato. In precedenza era già stato arrestato un altro membro della banda, Costantin Fiti (per lui fu contestata la rapina, ora anche l'omicidio). Mentre è caccia aperta a un terzo malvivente. Si tratterebbe di un 51enne di nazionalità rumena, il "capo" della banda.

Durante la rapina nell'abitazione dell'anziano i banditi cercavano soldi; non trovando nulla, però, avevano preso due fucili e sequestrato Tartari dopo averlo malmenato, lasciando alcune tracce di sangue sul pavimento. Poche ore dopo, i prelievi al bancomat con la carta dell'uomo, che probabilmente era già deceduto in seguito alle botte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali