FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, la chiamata di aiuto di una 12enne ai carabinieri: "Abbiamo fame, mio padre ha perso il lavoro"

I militari di Vergato, nel Bolognese, dopo aver accertato che le parole della ragazzina descrivevano una situazione reale, hanno portato alla famiglia una scorta di generi alimentari

Paniere solidale e spesa sospesa: l'Italia che aiuta i bisognosi del coronavirus

"Chi può metta, chi non può prenda..." due cartelli sopra due ceste nei vicoli di Napoli. All'Alberone, quartiere popolare della Capitale sul muretto del giardino, file di scatole di pasta e beni di prima necessità. Un panettiere della capitale lascia buste al di fuori del proprio negozio. In Molise la pasta lasciata pagata come il caffé, nel Salernitano con la farina viene regalato anche lievito. Alla Garbatella, lo spazio sociale 'Casetta Rossa' prepara nella sua cucina vaschette sigillate con piatti in monoporzioni da distribuire ai poveri del municipio e ai migranti e senza fissa dimora che vivono in strada vicino alla stazione Tiburtina assistiti dall'associazione Baobab. Sono i pasti, la spesa, gli acquisti 'sospesi" che stanno fiorendo in ogni angolo della penisola, comprese pagine ad hoc su Facebook. E' l'Italia solidale, quella che agisce, quella che ci piace.
 

"Abbiamo fame, mio padre non lavora più e il frigo è vuoto, aiutateci vi prego". E' la telefonata di una 12enne al 112, ricevuta dalla centrale operativa dei carabinieri di Vergato, nel Bolognese. Dopo averla tranquillizzata, l'operatore che le ha risposto ha inviato una pattuglia a casa sua. I militari hanno accertato che le parole della ragazzina descrivevano una situazione reale e hanno aiutato la famiglia, di origine straniera, composta da genitori e due figli.

Il padre, unica fonte di reddito, ha perso il precario lavoro che aveva a causa dell'emergenza coronavirus e la famiglia è rimasta senza più nulla da mangiare. Di sua iniziativa, la 12enne ha quindi chiamato il 112. I carabinieri sono andati a fare la spesa e sono tornati con una scorta di generi alimentari: latte, pasta, uova, farina, carne, biscotti, frutta e verdura.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali