FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dopo quasi cinque anni Totò Cuffaro lascia il carcere: "Eʼ bello respirare la libertà"

Lʼex governatore della Sicilia è stato scarcerato questa mattina dopo 4 anni e 11 mesi di reclusione

Dopo quasi cinque anni Totò Cuffaro lascia il carcere: "E' bello respirare la libertà"

Torna in libertà l'ex governatore della Sicilia Salvatore Cuffaro dopo essere stato in carcere per 4 anni e 11 mesi. Cuffaro ha lasciato il carcere di Rebibbia a Roma intorno alle 10. "E' bello respirare la libertà. Oggi posso dire di aver superato il carcere", queste le prime parole dell'ex governatore.

Dopo quasi cinque anni Totò Cuffaro lascia il carcere: "E' bello respirare la libertà"

Cuffaro non è uscito dall'ingresso principale del carcere di Rebibbia ma da quello dell'Aula Bunker in via del Casale di San Basilio. L'ex governatore della Sicilia aveva con sé degli scatoloni che contenevano lettere ricevute durante il suo periodo di detenzione. "Ho ricevuto 14mila lettere - spiega - sono parte della mia vita. Le terrò con me". Ad aspettarlo fuori dal carcere il figlio e il fratello.

"La politica non farà parte della mia nuova vita" - "La politica attiva, elettorale e dei partiti è un ricordo bellissimo che non farà parte della mia nuova vita. Ora ho altre priorità", ha quindi aggiunto Cuffaro. "Ho amato la politica e non rinnego nulla di ciò che ho fatto, non mi sento tradito".

"Ho fatto degli errori: io li ho pagati, altri no" - "Nella mia coscienza sono innocente. Sono andato a sbattere contro la mafia. Tornassi indietro metterei un airbag", ha quindi proseguito l'ex governatore della Sicilia. "Ho fatto degli errori, non mi voglio nascondere - ha aggiunto - io li ho pagati, altri no. Ora credo di avere il diritto di ricominciare".

"E' stato grande il prezzo che ho pagato per aver deciso di stare in mezzo alla gente - ha proseguito Cuffaro -. Appartiene alla mia coscienza ciò che sono stato. Non ne voglio più parlare. Credo di non aver mai favorito la mafia ma di averla sempre osteggiata e parlano gli atti amministrativi per me. Per fare una vera lotta alla mafia credo sia necessario l'impegno delle forze di polizia, dei magistrati. Ma se lasciassimo la lotta solo a loro credo che purtroppo non riusciremmo a raggiungere l'obiettivo finale. E' necessario ci sia una grande educazione. E questo è il grande errore della politica. Fin quando non sarà data alle persone la possibilità di scegliere di stare nella legalità sarà difficile vincere la mafia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali