FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Diciotto anni fa la strage di Linate: 118 morti nell'incidente aereo

Un MD-87 della Scandinavian in fase di decollo centrò in pieno un Cessna che aveva invaso la pista, schiantandosi poi contro lʼedificio dello smistamento bagagli e prendendo fuoco

Centodiciotto morti, un solo superstite: 18 anni fa, l'8 ottobre 2001, l'aeroporto milanese fu teatro del peggior disastro dell'aviazione civile nel nostro Paese. Lo scontro tra un MD-87 della Scandinavian e un jet privato, secondo le risultanze dell'inchiesta, fu provocato dalla fitta nebbia che gravava sullo scalo milanese, dall'assenza di un radar di terra e dalla negligenza del personale di controllo.

 

A bordo dell'aereo di linea scandinavo, diretto a Copenhagen, c'erano 104 passeggeri e 6 membri dell'equipaggio: dopo aver avuto il via libera dalla torre di controllo, l'aereo si apprestò al decollo; nello stesso momento il jet privato, un Cessna Citation, venne autorizzato a muoversi dalla propria piazzola ma il pilota sbagliò a imboccare la pista di congiunzione: invece della R5 prese la R6 (in pratica svoltando a destra invece che a sinistra dalla piazzola), invadendo così la pista.

 

Dalla torre nessuno si accorse di nulla: la visibilità era limitata a poche decine di metri, i sistemi anti-invasione erano stati spenti per i continui falsi allarmi, e nello scalo milanese non era installato un radar di terra. I controllori di volo, di fatto, erano ciechi e non riuscivano a rendersi conto dei movimenti degli aerei sulle piste.

 

Alle 08:10:21 l'MD-87, lanciato a oltre 270 chilometri l'ora e prossimo al decollo, centrò in pieno il Cessna uccidendo . L'impatto uccise gli occupanti del piccolo aereo da turismo, mentr quello di linea, gravemente danneggiato, andò a schiantarsi a tutta velocità contro l'edificio dello smistamento dei bagagli a fine pista, incendiandosi. Lo scontro e l'incendio uccisero tutti i passeggeri e i membri dell'equipaggio e anche quattro addetti ai bagagli che si trovavano nell'edificio. Un quinto addetto ai bagagli, Pasquale Padovano, sebbene gravemente ustionato, si salvò e fu l'unico sopravvissuto al disastro.

 

Il processo per strage colposa, giunto in cassazione il 7 luglio 2006, vide 5 condanne a pene fra 3 anni e 6 anni e mezzo, 3 patteggiamenti e 3 assoluzioni, ma con l'indulto approvato dal parlamento poche settimane dopo nessuno finì in carcere. Dopo la tragedia la segnaletica dell'aeroporto venne messa a norma, fu installato il radar di terra e vennero studiate nuove procedure per le operazioni in caso di nebbia.

 

Diciotto anni fa la strage all'aeroporto di Linate

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali