FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Desenzano, partorisce mentre è in coma ma muore dopo due settimane: salvo il bebè

Un malore improvviso ha costretto i medici ad intervenire con un cesareo per salvare il bimbo. Nulla da fare, invece, per la mamma

Desenzano, partorisce mentre è in coma ma muore dopo due settimane: salvo il bebè

Da anni coltivava il sogno di diventare mamma, ma non ha mai potuto stringere tra le braccia il proprio bambino. Paola Frizzarin, psicoterapeuta di 49 anni di Desenzano del Garda (Brescia), è morta in ospedale due settimane dopo aver partorito mentre era in coma. La donna si era sentita male mentre era a Pisa per un convegno medico. A causa di un'emorragia cerebrale i medici sono stati costretti a far nascere il figlio con un cesareo d'urgenza.

Mancavano poche settimane al termine della gravidanza, quando Paola ha accusato un forte mal di testa. La donna si è quindi recata all'ospedale di Cisanello, nel Pisano. I medici hanno capito subito che la situazione era grave e che era in corso un'emorragia cerebrale. Per salvare il bimbo, quindi, sono intervenuti con un cesareo. Le condizioni della donna, però, sono precipitate e, due settimane dopo il parto, è stata dichiarata la morte celebrale.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali