FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Spostamenti, trasporti, lavoro e consumi: cosa cambia con il nuovo decreto sul coronavirus

Le risposte alle domande delle persone interessate dai provvedimenti del governo. Spostamenti possibili per "comprovate esigenze" lavorative, di salute o situazioni di necessità: in caso di controlli sarà valida unʼautocertificazione

Gli uffici legislativi dei diversi ministeri e della presidenza del Consiglio sono al lavoro in queste ore per sciogliere i dubbi interpretativi legati al nuovo decreto sul Coronavirus che dispone tra l'altro di evitare gli spostamenti in Lombardia e altre 14 province. Tutti gli aggiornamenti sul coronavirus in tempo reale

Ecco i chiarimenti forniti dalle autorità:

 

Gli spostamenti vanno comunicati? - Se si viene dalla Lombardia o da una delle 14 province coinvolte dal contagio secondo il testo del decreto non c'è nessun obbligo di comunicarlo all’Asl o al proprio medico: l’obbligo esiste solo per chi arrivi in Italia dall’estero, essendo passato da una zona indicata dall’Oms come a rischio epidemiologico. 

 

Chi si sposta o si è già spostato dal Nord a Sud va automaticamente in quarantena? - Malgrado non sia previsto nel testo del decreto, alcune Regioni del Sud Italia come Puglia, Campania e Sicilia hanno messo a punto ordinanze che impogono un periodo di quaratena alle persone che sono rientrate dalle zone interessate dall'emergenza coronavirus.

 

Treni e aerei continueranno a partire? - Sì, al momento non c'è nessuno stop a treni e aerei. Resta ovviamente la disposizione che invita a partire solo se strettamente necessario. Nelle prossime ore potrebbero essere disposti posti di blocco ai caselli autostradali, stazioni e aeroporti. Alcune compagnie aeree stanno limitando i voli su alcuni scali come Malpensa e Linate, L'Enac invita a cercare informazioni specifiche nei siti delle compagnie aeree.

 

Il trasporto pubblico resta attivo? - Sì, bus, tram e metropolitane restano regolarmente in funzione.  Resta valida anche la richiesta di osservare la distanza di sicurezza di un metro tra una persona e l'altra.



Possiamo andare al lavoro o no? - "Le limitazioni introdotte non vietano gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro. Salvo che siano soggetti a quarantena o che siano risultati positivi al virus, anche i transfrontalieri potranno entrare e uscire dai territori interessati per raggiungere il posto di lavoro e tornare a casa. Gli interessati potranno comprovare il motivo lavorativo dello spostamento con qualsiasi mezzo, inclusa una autocertificazione che potrà essere resa alle forze di polizia in caso di eventuali controlli". Laddove è possibile viene fortemente incentivato lo smart working. Autocertificazione valida anche per spostamenti dovuti ad esigenze di salute o situazioni di necessità.

 

Si può andare al supermercato e in farmacia? - Certo, è possibile uscire per fare la spesa o comprare farmaci, La raccomandazione è sempre la stessa: evitare assembramenti. Alcuni supermercati hanno già attivato ingressi contingentati. Evitare la formazione di code, privilegiare gli orari con meno afflusso di persone,

 

Le merci possono circolare? - "Le merci possono entrare ed uscire dai territori interessati. Il trasporto delle merci è considerato come un'esigenza lavorativa: il personale che conduce i mezzi di trasporto può quindi entrare e uscire dai territori interessati e spostarsi all'interno degli stessi, limitatamente alle esigenze di consegna o prelievo delle merci".

L'Assolombarda ha messo a punto un vademecum per le imprese. 'Nessun blocco a produzione e merci' ma "è opportuno adottare misure di prevenzione e di cautela nei confronti dei trasportatori. Gli autisti non possano scendere dai mezzi e siano muniti di dispositivi medici di protezione e prevenzione quali mascherine e guanti monouso; se il carico/scarico richiede la discesa dal mezzo deve essere mantenuta la distanza di sicurezza (1 metro) e la documentazione di trasporto sia trasmessa in via telematica".

 

Il testo integrale del decreto in formato pdf

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali