FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, Istat: nel 2020 minimo storico di nascite | Decessi aumentati del 17,6%: "sparita" una città come Firenze

Iscritti all'anagrafe solo 404mila bimbi: mai così pochi dall'Unità d'Italia. Al 31 dicembre la popolazione residente è scesa di 384mila unità

Nel 2020 si è registrato un nuovo minimo storico di nascite dall'Unità d'Italia e un massimo storico di decessi dal secondo dopoguerra. Le nascite sono diminuite del 3,8% rispetto al 2019: sono stati iscritti all'anagrafe solo 404.104 bimbi. In aumento del 17,6% i decessi: 746.146 persone sono state cancellate dall'anagrafe per morte. Lo rileva l'Istat nel report "La dinamica demografica durante la pandemia Covid-19 - anno 2020".

Declino di popolazione in atto dal 2015 - Al 31 dicembre 2020 la popolazione residente è risultata inferiore di quasi 384 mila unità rispetto all'inizio dell'anno: come se fosse sparita una città grande quanto Firenze. Gli effetti negativi prodotti dall'epidemia Covid-19 hanno amplificato la tendenza al declino di popolazione in atto dal 2015. 

 

 

Il calo delle nascite - Per quanto riguarda le nascite, in tutti i mesi del 2020 si registrano valori percentuali inferiori a quelli dello stesso periodo del 2019, ad eccezione di febbraio con il 4,5% in più, in parte dovuto al giorno in più nel calendario 2020. Il calo delle nascite si accentua nei mesi di novembre e soprattutto di dicembre (-10,3%), il primo mese in cui si possono osservare eventuali effetti della prima ondata epidemica.

 

 

Le ragioni della denatalità - L'andamento delle nascite nel corso del 2021 consentirà comunque di avere un quadro più nitido delle conseguenze della crisi economica. Le ragioni della denatalità vanno ricercate anche nei fattori che hanno contribuito al trend negativo dell'ultimo decennio (progressiva riduzione della popolazione in età feconda e clima di incertezza per il futuro).

 

I numeri dei decessi - Nel 2020 i decessi in totale ammontano a 746.146, il numero più alto mai registrato dal secondo dopoguerra, con un aumento rispetto alla media 2015-2019 di oltre 100 mila unita' (+15,6%). Se nei mesi di gennaio e febbraio 2020 i decessi nel complesso sono stati inferiori di circa 7.600 unità rispetto a quelli registrati in media nello stesso bimestre degli anni 2015-2019, dall'inizio della crisi sanitaria (marzo 2020) a fine anno si è osservato un eccesso di morti del 21% rispetto alla media dello stesso periodo dell'ultimo quinquennio.

 

 

In Lombardia il bilancio più pesante - La Lombardia sperimenta il bilancio più pesante in termini di decessi nel 2020: +111,8%. Per tutte le altre Regioni del Nord l'incremento dei morti del periodo marzo-maggio è compreso tra il 42% e il 53%. Solamente il Veneto e il Friuli Venezia Giulia si distinguono per un surplus di decessi più contenuto (rispettivamente +19,4% e +9,0%). Al Centro spiccano le Marche che, con il +27,7% di eccesso di morti, si discostano in modo rilevante dall'incremento medio della ripartizione (+8,1%). Nel Mezzogiorno solo l'Abruzzo e la Puglia (+11,6% entrambe) fanno rilevare valori ben al di sopra di quello medio dell'intera area (+5,1%).
 

 

In Giappone si aggrava il problema demografico - In Giappone il problema demografico continua ad aggravarsi, con un crollo delle nascite mai così pronunciato da inizio secolo. Secondo i dati del ministero della Salute nipponico, a gennaio i nuovi nati sono calati del 14,6% rispetto a gennaio 2020, un dato mai così basso dal 2000. Colpa di una una tendenza - che la pandemia ha aggravato - che vede le coppie posticipare sempre più le possibili gravidanze.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali