FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Covid, Gimbe: corrono i contagi (595mila casi in 7 giorni) e crescono i ricoveri | "Senza mascherine rischiamo lockdown di fatto"

Dal 29 giugno al 5 luglio, sono aumentati del 32,6%i ricoveri con sintomi e del 36,3% le terapie intensive. Il ministero della Salute alle Regioni: "Adeguare posti letto e assistenza"

Covid, monitoraggio Gimbe: +55% contagi in una settimana

Nella settimana 29 giugno-5 luglio, si è registrato "un ulteriore aumento dei nuovi casi (595.349) di Covid in tutte le Regioni e in tutte le Province".

E' quanto risulta dal monitoraggio della

Fondazione Gimbe

, secondo cui inoltre sono "ancora in crescita gli indicatori ospedalieri e i decessi (464)". Risultano, invece, "ferme le percentuali di chi ha ricevuto almeno una dose di vaccino (88,1% della platea) e di chi ha completato il ciclo vaccinale (86,6% della platea)".

 


"Mascherine fondamentali, rischiamo lockdown di fatto"

- Una "crescita esponenziale dei contagi, che non contabilizza il sommerso dei casi non dichiarati". "Quarte dosi al palo e con grande differenze regionali nelle coperture" e "un'alta percentuale di popolazione sintomatica o isolata, che rischia di determinare un 'lockdown di fatto' su vari servizi, inclusi quelli turistici". A descrivere gli effetti dell'ondata estiva di Covid, è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, che mette in guardia: "In questa fase, oltre ad accelerare la somministrazione della quarta dose nei pazienti vulnerabili, è indispensabile contenere la circolazione virale utilizzando le mascherine".


 


595mila contagi in 7 giorni, +55%

- Nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio i nuovi casi di Covid-19 sono stati 595.349, con un aumento del 55% rispetto alla settimana precedente. I contagi settimanali crescono in tutte le regioni e sono 38 le province italiane che contano più di mille casi per 100mila abitanti. La crescita va di pari passo a un aumento del 33% del numero dei tamponi totali: da 1,6 milioni a 2,1 milioni. 


 


In Lombardia +95,9% di casi

 - Dal monitoraggio settimanale, risulta che la Lombardia ha registrato un incremento di nuovi casi del 95,9% negli ultimi 7 giorni. L'aumento dei nuovi casi è stato registrato in tutte le Regioni italiane. Si va dal +24,7% della Sardegna fino alla punta massima della Lombardia.


 


+33% ricoveri e +36% intensive

 - Dal 29 giugno al 5 luglio, i ricoveri con sintomi sono stati 8.003 rispetto a 6.035 della settimana precedente, cioè +32,6%, e le terapie intensive 323 rispetto a 237, pari a +36,3%. A crescere sono anche i decessi, che sono stati 464 rispetto a 392 della settimana precedente, in aumento del 18%. "Esistono reali motivi di preoccupazione", ha commentato Cartabellotta, anche perché "l'occupazione dei posti letto è destinata ad aumentare nelle prossime settimane".


 


Ministero della Salute: "Adeguare posti letto e assistenza" -

Proprio in considerazione degli ultimi dati, è stato chiesto per le prossime settimane di "adeguare l'ampliamento dei posti letto di Area Medica e in Terapia Intensiva dedicati al Covid" e prevedere "la corretta e tempestiva presa in carico dei pazienti affetti da malattia da SARS-CoV-2 in relazione alle specifiche necessità assistenziali, con particolare riferimento alle categorie più fragili". E' quanto afferma il ministero della Salute alle Regioni con una circolare "alla luce dell'attuale andamento epidemico e in considerazione degli ulteriori impatti assistenziali sugli ospedali". Il ministero ribadisce l'importanza del completamento dei cicli di vaccinazione e dei richiami. 


 


 



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali