FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, Conte: "Per il Natale arriveranno misure ad hoc, niente vacanze sulla neve"

Per il premier "si rischia di ripetere il Ferragosto e non ce lo possiamo permettere". E sullo spostamento tra Regioni nelle Feste: "Se il trend continuerà così, a fine mese non avremo più zone rosse"

Montagna, neve, nuovi impianti
Istockphoto

Il periodo natalizio "richiede misure ad hoc. Si rischia altrimenti di ripetere il Ferragosto e non ce lo possiamo permettere". Lo ha detto Giuseppe Conte, sottolineando che gli italiani non potranno concedersi vacanze "indiscriminate sulla neve" a Natale, compresi gli impianti da sci. "Con Merkel e Macron stiamo lavorando a un protocollo comune europeo", ha aggiunto il presidente del Consiglio.

Per il premier, "tutto ciò che ruota attorno alle vacanze sulla nave è incontrollabile. Consentire tutte occasioni di socialità tipiche del periodo natalizio non è possibile".

 

"Se il trend continua, niente zone rosse a fine mese" - Il capo dell'esecutivo ha poi parlato dello spostamento tra Regioni durante le Feste: "Ci stiamo lavorando, ma se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse".

 

"Non c'è obbligo di vaccino, ma raccomandazione" - In merito al tema dei vaccini, Conte ha precisato che "non c'è un orientamento per l'obbligo del vaccino, ma lo raccomandiamo. L'obbligo è scelta forte. Io lo farò senz'altro perché, quando sarà ammesso, sarà sicuro e testato. Sarà disponibile prima per le categorie vulnerabili ed esposte. Penso che il vaccino ci sarà da fine gennaio".

 

"Cercheremo di riaprire le scuole prima di Natale" - "Cercheremo di aprire le scuole prima di Natale, stiamo lavorando per questo", ha dichiarato ancora il presidente del Consiglio.

 

Cervinia, folla e polemiche per apertura stagione ai tempi del Covid-19

"Da denuncia", "E poi chiudono le scuole", "Distanziamento sociale? Ma di cosa stiamo parlando". Nella prima giornata di sci a Cervinia sono lo sdegno e il timore del Covid-19 a prevalere, almeno sui social. Duemila gli ingressi, in un comprensorio con piste innevate come a fine ottobre non si vedeva da anni. Ma quando su Facebook hanno iniziato a circolare le foto di lunghe code fuori dalla biglietteria, sono divampate le polemiche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali