FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, Arcuri: "La curva dei contagi finalmente inizia a raffreddarsi" | Vaccino, "prime dosi a fine gennaio"

Il commissario allʼemergenza: "La distribuzione non sarà su base regionale, ma tramite un meccanismo centralizzato". In campo anche lʼesercito

"La curva dei contagi, a guardarla con occhi onesti, sembra finalmente iniziare a raffreddarsi. Questo grazie ai provvedimenti del governo e ai comportamenti virtuosi della maggioranza degli italiani". Lo ha affermato il commissario all'emergenza coronavirus, Domenico Arcuri, precisando che comunque "ci sono Regioni dove la situazione resta critica e bisogna intervenire ancora per contribuire a raffreddare la crescita dei focolai". 

"Vaccino non su base regionale ma meccanismo centralizzato" Il commissario Arcuri ha poi spiegato che la distribuzione del vaccino anti-Covid non sarà su base regionale. Il governo ha infatti deciso per "una centralizzazione del meccanismo" individuando le categorie dei primi cittadini per i quali sarà necessaria la somministrazione. "Non serve avere il vaccino in un luogo A piuttosto che in un luogo B", ha aggiunto.

 

A chi andranno le prime dosi di vaccino anti-Covid in Italia

 

"Confidiamo di vaccinare i primi italiani alla fine di gennaio" "Confidiamo di vaccinare i primi italiani alla fine di gennaio - ha detto Arcuri -. Partiremo, nella prima fase con una campagna che riguarderà 1,7 milioni di concittadini per poi arrivare progressivamente ad una fetta più ampia. "In queste ore - ha spiegato - stiamo decidendo a quali categorie di cittadini dovrà essere somministrato per prime. Dipenderà dalla fragilita' e dall'esposizione", precisando che "dovrà essere somministrato da chi ha adeguata preparazione professionale".

 

Usa, Pfizer annuncia il suo vaccino anti covid

 

In campo l'esercito per la distribuzione dei vaccini La Difesa è al lavoro per la pianificazione della distribuzione del vaccino. Come avvenuto per distribuzione dei dispositivi sanitari a marzo, saranno messe a disposizione le capacità del personale dell'esercito italiano. Per la distribuzione dei vaccini dovrebbe essere prevista una logistica ad hoc da parte della Difesa, già impegnata in missioni per sostegni logistici a lungo raggio come le operazioni internazionali. Non si esclude al momento, così come già avviene a Milano per il vaccino influenzale, l'ipotesi che i militari possano essere adoperati anche per la somministrazione delle dosi

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali