FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Corruzione e tentata concussione: arrestato un sindaco del Cosentino

Oltre a Gianfranco Ramundo, in manette anche il vicesindaco, Paolo Cavaliere, e un assessore

Corruzione e tentata concussione: arrestato un sindaco del Cosentino

Gli uomini della guardia di finanza di Cosenza hanno arrestato Gianfranco Ramundo, sindaco di Fuscaldo, centro dell'Alto Tirreno cosentino. Insieme a lui sono finiti in manette anche altri componenti dell'Amministrazione comunale. L'accusa è di corruzione e tentata concussione. Nell'operazione in cui sono impegnati oltre cento militari, sono coinvolte, complessivamente, 14 persone.

Oltre al sindaco Ramundo, sono stati arrestati anche il vicesindaco, Paolo Cavaliere, ed un assessore. Coinvolti anche un funzionario pubblico, imprenditori, un professionista ed altre persone. I reati contestati agli indagati, oltre alla corruzione ed alla tentata concussione, sono, a vario titolo, "indebita induzione a dare o a promettere, peculato, turbative di gare pubbliche e di procedimenti di scelta dei contraenti della Pubblica Amministrazione e falso ideologico".

Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip di Paola su richiesta del Procuratore della Repubblica Pierpaolo Bruni e dei sostituti Antonio Lepre e Teresa Valeria Grieco.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali