FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, trema anche l'economia: 
il Nord teme di finire in ginocchio, possibili perdite per 18 milioni al giorno

Lombardia e Veneto, da sole, valgono il 31% del Pil italiano per un valore di 550 miliardi di euro

Economia

La salute, prima di tutto. L'allarme coronavirus cresce e spaventa l'Italia, con il Nord già blindato in attesa di conoscere, ora dopo ora, i nuovi numeri delle vittime, dei contagiati e dei guariti. Ma a tremare è anche l'economia: i danni, già ingenti, potrebbero rivelarsi enormi. Da domani (lunedì, ndr), con la mancata riapertura di diversi uffici, negozi e impianti nelle aree dei focolai di contagio, l'Italia comincerà a contare i danni economici causati dall'epidemia

Lombardia e Veneto valgono il 31% del Pil - Come riportato da Repubblica, al momento è impossibile ipotizzare una reale stima dei danni, ma la posta in gioco è ovviamente altissima, considerato che le imprese di Codogno e Casalpusterlengo - due dei comuni finiti in quarantena in Lombardia - fatturano da sole 1,5 miliardi l'anno. Ogni giorno di stop può mandare in fumo 4 milioni di entrate, ma il conto potrebbe toccare i 18 milioni se la serrata venisse estesa a tutta la provincia di Lodi. E se le misure restrittive di quarantena dovesse allargarsi all'intero settore produttivo di Lombardia e Veneto il conto potrebbe diventare spaventoso considerato il fatto che le due Regioni valgono da sole 550 miliardi di Pil (il 31% di quello italiano) e che da qui parte il 40% delle esportazioni del Paese.


Il governo al lavoro per aiutare le imprese nelle aree in quarantena - Per limitare i danni economici, il governo sta studiando una sorta di piano Marshall per aiutare le imprese delle aree finite in quarantena. A San Donato milanese, poco a nord di Codogno, ci sono i quartieri generali di Eni, Saipem e Snam. Poco più a sud, invece, ci sono uno dei più grandi centri di logistica Amazon in Italia, la meccanica piacentina e i gioielli dell'industria alimentare emiliana.

Milano ha già pagato un conto salato nella settimana della moda - La Lombardia, e Milano in particolare, ha già registrato danni importanti. Alla settimana della moda milanese, infatti, si sono registrati mille compratori cinesi in meno rispetto all'anno scorso, un calo dell'80%. Il mancato arrivo dei turisti da Pechino a Venezia, Verona e Milano ha assestato un duro colpo ad albergatori e commercianti. Le vendite di abiti griffati, gioielli e profumi nel quadrilatero della moda meneghimo (tra via Montenapoleone e la Galleria) valgono circa il 12& del Pil di Milano. Lo shopping cinese rappresenta da solo un quarto di questa cifra.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali