FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, è scontro sull'obbligatorietà del vaccino | Speranza: "Prime dosi ai medici"

Il comitato tecnico scientifico sostiene che non servano imposizioni. Il ministro della Salute: "Questione prematura, le dosi non arriveranno tutte insieme". Lʼimmunologa Viola: "Serve almeno una campagna di sensibilizzazione"

E' scontro nella maggioranza sull'obbligatorietà del vaccino per contrastare la diffusione del coronavirus. Il comitato tecnico scientifico frena e sostiene che non servano imposizioni. "Questione prematura", dice il ministro della Salute Roberto Speranza, secondo cui le dosi "non arriveranno tutte assieme" e per questo "quando le avremo saranno poche e andranno in primis a operatori sanitari e anziani fragili". 

Dibattito scatenato da Renzi - Il dibattito sull'obbligatorietà dei vaccini è stato innescato da Matteo Renzi dopo che il premier Conte aveva espresso la sua contrarietà. "Se il vaccino arriva deve essere obbligatorio e non facoltativo", aveva ribattuto il leader di Italia Viva, trovando il sostegno del ministro della Famiglia Elena Bonetti e scatenando poi una discussione che ora divide la maggioranza.

 

Comitato tecnico scientifico: "Non serve l'obbligo" - Il comitato tecnico scientifico, secondo il quotidiano La Stampa, non ha ufficialmente posto l'obbligatorietà del vaccino al centro della discussione ma è sulla linea di pensiero del premier Conte. Rendere obbligatorio il vaccino non serve. Considerando il ragionamento portato avanti da Renzi, secondo cui l'obbligatorietà servirebbe per contrastare No-vax e negazionisti, secondo il Cts i primi rappresentano circa l'1% della popolazione e i secondi il 15%. Se dunque il restante 80% della popolazione si vaccinasse l'obiettivo di bloccare la circolazione del virus verrebbe raggiunto senza imporre niente a nessuno.

 

L'aspetto economico e i risarcimenti - Esiste poi un aspetto "collaterale". Normalmente i vaccini vengono sperimentati per almeno 5 anni ma quello per contrastare il coronavirus comporta anche una lotta contro il tempo. Motivo per cui, con sperimentazioni che durano mesi e non anni, spunta il rischio di effetti collaterali: imporre l'obbligo può voler dire anche rischiare poi di ricevere richieste di risarcimento. 

 

Ricciardi: "Obbligo solo per bambini e certi lavoratori" - Sulla linea del premier Conte, che si è espresso in favore di una profilassi volontaria, c'è anche Walter Ricciardi, scienziato membro dell'Oms e consigliere del ministro della Salute Walter Ricciardi. "Credo che il vaccino debba essere obbligatorio solo per i bambini, che vanno protetti perché dipendono da altri, ma non per gli adulti. Ad eccezione del personale sanitario o di pubblica utilità, come i poliziotti, i vigili del fuoco, chi lavora nelle mense. Di tutti quelli che, insomma, fanno mestieri per i quali, senza vaccino, metterebbero a rischio la salute degli altri". 

 

L'immunologa: "Deve vaccinarsi il 70% degli italiani" - Antonella Viola, professore ordinario di Immunologia all' Università di Padova, ha parlato, sempre a La Stampa, di percentuali e responsabilità. "Bisogna essere sicuri che gli italiani rispondano almeno al 70%. Se succedesse come con la app Immuni, che è stata scaricata solo da 4 milioni di persone, sarebbe un grosso guaio", ha detto. Per questo "il governo deve assumersi le proprie responsabilità".

 

"Serve una campagna di sensibilizzazione" - Poi ha aggiunto: "Se si vaccinasse solo il 30% degli italiani non servirebbe a niente e cosa faremmo? Continueremmo in presenza di un vaccino a vivere con distanze, mascherine e treni mezzi vuoti?". Secondo Antonella Viola, inoltre "se non si vuole arrivare al vaccino obbligatorio serve una campagna di sensibilizzazione per spiegare a tutti che è utile e sicuro. Il problema è: i giovani che ora vanno in Grecia e in Croazia si vaccineranno?", si chiede. 

 

I vaccini, come si creano e quanto funzionano

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali