FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Remuzzi: "I test iniettando il vaccino e poi il virus sui volontari sono l'unica via per accelerare"

Il direttore dellʼistituto Mario Negri di Bergamo è a favore dello Human Challenge Trial. Negli Usa lʼiniziativa è sostenuta da un centinaio di ricercatori

"L'unico modo per arrivare prima al vaccino anti Covid-19 è lo Human Challenge Trial". Lo ha detto il direttore dell'istituto Mario Negri di Bergamo, Giuseppe Remuzzi, parlando della procedura che consiste nel somministrare a volontari sani prima il vaccino e poi il virus. Negli Usa l'iniziativa è sostenuta da un centinaio di ricercatori, fra i quali 15 premi Nobel.  

In una lettera aperta al direttore dei National Institute of Health, Francis Collins, i 100 esperti sostengono che l'approccio è efficace perché dà rapidamente una risposta sulla capacità di prevenire la malattia. La lettera è stata firmata anche da 2mila possibili futuri volontari.

 

"Sono a favore, le argomentazioni del documento sono condivisibili", ha detto uno dei cinque firmatari italiani del documento a favore dello Human Challenge Trial. "Trovo che tutte le motivazioni presentate nel documento siano valide", ha osservato Sebastiano Venturi, medico esperto di igiene pubblica oggi in pensione, e che ha lavorato nel Servizio di igiene e prevenzione della Ausl di Rimini.

 

Il Brasile testa sull'uomo uno dei vaccini cinesi  Intanto lo Stato di San Paolo, il più colpito dal coronavirus in Brasile, ha iniziato i test di fase 3 con il vaccino sviluppato dal laboratorio cinese Sinovac Biotech. Circa 850 professionisti della salute, che non hanno contratto la malattia, inizieranno a ricevere il vaccino, il cui nome commerciale èCoronaVac, presso l'Ospedale de Clinicas dell'Università di San Paolo.

 

Speranza: "Serve un vaccino sicuro e certo" Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha sottolineato che "dobbiamo continuare il lavoro fatto sinora sul vaccino". Martedì, ha sottolineato, "è emerso che il test di fase 1 e 2 del vaccino di AstraZeneca, un progetto in cui l'Italia è molto presente, è andato bene, ora però serve prudenza, serve un vaccino sicuro e certo, ma andiamo avanti come fatto finora. Io con Germania e Olanda, ho raggiunto un accordo per 400 milioni di dosi, spingiamo perché si possa dare questa risposta, che è quella definitiva, fino ad allora però ribadisco che dobbiamo avere comportamenti corretti".

 

Come funziona un vaccino nellʼuomo

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali