FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, cala ancora l'incremento di contagi e decessi | Primi dati positivi in Lombardia: meno ricoverati

In Italia 602 nuove vittime, i guariti sono 408. Grande solidarietà dagli italiani: per la protezione civile già raccolti 25,5 milioni di euro

Coronavirus, il dramma dei forni crematori al collasso: Piacenza in tilt

E' troppo presto per dire che la curva si è arrestata, ma per il secondo giorno consecutivo i numeri fotografano un'Italia in cui calano sia l'incremento dei malati sia quello delle vittime di coronavirus. E, per la prima volta dall'inizio dell'emergenza, in Lombardia i ricoveri in ospedale sono in diminuzione. Dati positivi che rischiano però di essere vanificati se al Sud, dove il contagio non è ancora esploso, continueranno ad esserci troppe persone in strada.

Oltre 50mila malati e più di 6mila morti Ad un mese dall'entrata in vigore del primo decreto con le misure restrittive, quello che istituiva la zona rossa per i comuni del Lodigiano e di Vo' Euganeo, il nostro Paese supera altre due soglie psicologiche, quella dei 50mila malati (sono 50.418), e quello delle 6mila vittime (sono 6.077). Il lato positivo è però che la crescita sta subendo un rallentamento da due giorni: l'incremento dei positivi è stato di 3.780, mentre domenica era di 3.957 e sabato di 4.821. Stesso discorso per le vittime: l'aumento è di 601, domenica era di 651 e sabato di 793, il giorno più nero dall'inizio dell'emergenza.

 

Calano i malati in terapia intensiva Altri due numeri che fanno ben sperare sono il calo dei malati in terapia intensiva - ora il 6% del totale, nei giorni scorsi erano il 10% - e il fatto che per la prima volta anche la Lombardia fa segnare un dato finalmente positivo: i ricoverati con sintomi in ospedale sono passati da 9.439 a 9.266. Presto però per parlare di dati consolidati. "Non sento di sbilanciarmi - dice il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro - anche perché stiamo vedendo gli effetti di quel che è avvenuto due settimane fa. Prendiamo atto che più dati consecutivi si confermano e più èchiaro che ci troviamo in una situazione favorevole".

 

Coronavirus, apre il nuovo reparto di terapia intensiva del San Raffaele con fondi raccolti da Fedez e Chiara Ferragni

Con l'arrivo del primo paziente, ha aperto i battenti il nuovo reparto di terapia intensiva dell'ospedale San Raffaele di Milano, costruito grazie alle donazioni raccolte con la campagna lanciata da Chiara Ferragni e Fedez. Complessivamente il nuovo reparto, una tensostruttura, è dotato di 14 posti letto di terapia intensiva ed è stato realizzato in 10 giorni. Nel frattempo, da qualche giorno è iniziata la costruzione di un'altra tensostruttura, adiacente a quella entrata in funzione, che sarà adibita sempre a reparto di terapia intensiva. 

Preoccupa il rischio che il contagio dilaghi al Sud Situazione che però rischia di tornare ad essere drammatica, per due motivi. Il primo è se non si riesce ad intercettare prima possibile "i nuovi positivi o i sospetti positivi", per fare in modo che "cessino in maniera tragica di trasmettere l'infezione". Il secondo è un'eventuale esplosione del virus al Sud. Ed è questa, ora, la "scommessa" per gli esperti, per il governo e per tutto il Paese: "il nostro grande sforzo", sottolinea Brusaferro, è evitare che Campania, Puglia, Sicilia, facciano registrare nei prossimi giorni curve di crescita come quelle che si sono viste in Lombardia. Perché i rispettivi sistemi sanitari non reggerebbero l'urto.

 

Per ora i dati sono incoraggianti, ma troppa gente per strada Per ora la curva "non sembra impennarsi": in Puglia i positivi sono 862, con un incremento di 114 nelle ultime 24 ore, più della Sicilia che ha 681 casi e un incremento di 85 e meno della Campania, che ha 929 malati e 63 in più rispetto a domenica. Ma i comportamenti dei cittadini, ed è questo l'allarme che arriva da Brusaferro, rischiano di far invertire i numeri. "Si vedono ancora strade piene di gente, cosa che non vediamo ormai più in altri contesti".

 

Si va verso un inasprimento delle sanzioni E' il motivo per il quale si stringono ancora le maglie dei controlli. Il Viminale cambia il modulo per l'autocertificazione inserendo le modifiche introdotte con l'ultimo Dpcm che ha vietato anche gli spostamenti per il rientro al proprio domicilio. E il Consiglio dei ministri potrebbe a brevissimo approvare un decreto per un inasprimento della sanzioni per chi viola i divieti. Con una sanzione amministrativa attorno ai 2mila euro e, eventualmente, anche la confisca del mezzo.

 

Coronavirus, lʼelenco delle attività consentite

96mila denunce, ok droni per i controlli Inoltre, per monitorare gli spostamenti dei cittadini molti Comuni pensano all'impiego di droni, dopo il via libera dall'Enac, l'Ente dell'aviazione civile. Dall'entrata in vigore delle nuove regole, l'11 marzo, sono state denunciate 96mila persone su 2 milioni controllate. Cifre ancora importanti e che rischiano di vanificare la linea del "distanziamento sociale" sollecitata dagli studiosi per bloccare la diffusione del Covid-19. Intanto i fondi raccolti per la protezione civile
sono già 25,5 milioni di euro.

 

Altre misure restrittive per la provincia di Piacenza Ulteriori misure restrittive sono state disposte dalla Regione Emilia Romagna per l'intero territorio della provincia di Piacenza. La nuova ordinanza del presidente Bonaccini prevede, tra l'altro, la sospensione delle attività economiche e il rafforzamento delle misure per garantire contenimento e distanziamento sociale. Potranno proseguire solo le attività economiche essenziali e quelle che garantiranno rigide misure di sicurezza interne per prevenire il contagio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali