FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

TEMPO REALE

Coronavirus, tornano a salire i contagi ma cala il numero di decessi | Malati 4mila infermieri | Speranza: "Siamo in piena epidemia"

In Italia oggi 756 morti in più, 416 in Lombardia. In totale 73.880 malati in Italia, 3815 più di ieri

Coronavirus, medici e infermieri dall'Albania per aiutare gli italiani

Trenta tra medici e infermieri albanesi sono arrivati in Italia per aiutare la popolazione nella lotta al coronavirus. Atterrati all'aeroporto di Verona, dove sono stati accolti dalle autorità, sono stati quindi trasferiti nel Bresciano, dove lavoreranno nel corso delle prossime settimane.

Sono complessivamente 73.880 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3.815, che indica una ripresa dei contagi. Cala però il numero dei morti: 756 rispetto a ieri (416 in Lombardia), quando l'aumento era stato di 889 decessi. Le persone guarite sono invece 13.030, 646 in più di ieri. E il ministro Speranza spiega che siamo ancora nel pieno dell'epidemia e sarebbe un errore abbassare la guardia ora.

  • 29 mar

    Il virus rallenta in Lombardia: meno morti e meno casi totali - VIDEO

  • 29 mar

    In Italia altri 756 morti, i guariti sono oltre 13mila - VIDEO

  • 29 mar

    Il commissario Arcuri: "Da domani produzione di mascherine su larga scala"

    Da lunedì partirà una prima importante quota di produzione italiana di mascherine: lo ha detto Domenico Arcuri, Commissario straordinario all'emergenza. "25 aziende della moda produrranno 200.000 mascherine chirurgiche al giorno, 500.000 dalla prossima settimana e 700.000 al giorno dalla successiva. Poi ci sono le aziende del settore dell'igiene personale, che inizieranno con 150.000 mascherine al giorno, per passare a 400.000 dalla prossima e a 750.000 al giorno in quella successiva".

  • 29 mar

    L'esperto: inevitabile l'impreparazione iniziale

    Sul coronavirus in Italia "c'è stata un'impreparazione inevitabile iniziale, non è colpa di nessuno ed è inutile recriminare". A sostenerlo è lo pneumologo Luca Richeldi, membro del Comitato tecnico scientifico del ministero, secondo il quale "ci siamo trovati di fronte a una situazione senza precedenti, a un virus sconosciuto fino a 3 mesi fa". E anche per questo "non ci aspettavamo così tanti malati".

  • 29 mar

    L'esperto: la chiusura delle scuole ha salvato tre quarti dell'Italia

    Con la chiusura delle scuole all'inizio dell'epidemia "abbiamo salvato tre quarti dell'Italia", in particolare il centro Sud, da una diffusione analoga a quella delle regioni piu' colpite del Nord. A chiarirlo è Luca Richeldi, pneumologo del Policlinico Gemelli di Roma e componente del Comitato tecnico scientifico del ministero della Salute, "I bambini - ha spiegato - sono un notevole vettore di contagio".

  • 29 mar

    Borrelli: a breve firmerò l'ordinanza per i buoni spesa

    Il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, parlando del provvedimento che stanzia fondi per le persone in difficoltà, ha annunciato che firmerà "a breve" l'ordinanza. "La gestione dei buoni spesa - ha spiegato - sarà a cura dei servizi sociali e i Comuni potranno avvalersi degli enti del terzo settore e di unità di Protezione civile per l'acquisto delle derrate. L'ordinanza sarà immediatamente operativa".

  • 29 mar

    "Calano vittime e casi gravi, le misure funzionano"

    Negli ultimi 3 giorni si è verificato un calo sia del numero delle vittime sia dei ricoveri in terapia intensiva: secondo  Luca Richeldi, pneumologo e membro del Comitato tecnico scientifico, si tratta di "grandi cambiamenti nell'ordine del 10-15%" che dipendono dalle "misure messe in atto" e da un "sistema sanitario che sta rispondendo". Per il medico "sono dati che devono far riflettere e ci incoraggiano nel messaggio che con i nostri comportamenti salviamo delle vite".

  • 29 mar

    Borrelli: 756 morti e 646 guariti nelle ultime 24 ore

    Sono 10.779 i morti, con un aumento rispetto a ieri di 756. Sabato l'aumento era stato di 889. Le persone guarite sono invece 13.030, 646 in più di ieri. Il dato è stato reso noto dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

  • 29 mar

    Borrelli: 73.880 i malati, 3.815 più di ieri

    Sono complessivamente 73.880 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3.815. Sabato l'incremento era stato di 3.651. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 97.689. Il dato è stato fornito dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

  • 29 mar

    Gallera: è la provincia di Milano a crescere di più in Lombardia

    E' la provincia di Milano, secondo l'assessore al Welfare Giulio Gallera, a crescere di più nel numero di contagi, +546 (ieri erano 314) con un totale di 8.329 casi, superiore al totale della provincia di Brescia. A Milano città l'incremento è stato di 247 casi (ieri 150) per un totale di 3406. A Bergamo, che resta quella più colpita con 8527 casi, continua il trend discendente con un aumento di soli 178 casi (ieri 289). Nel Bresciano, invece, ancora non si inverte la tendenza e i nuovi contagiati sono 335 (ieri 373) per un totale di 8.013.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali