FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, assembramenti nel Foggiano per i riti del venerdì santo: sarà aperta un'inchiesta

Ludovico Vaccaro, procuratore capo di Foggia, al lavoro per ricostruire con esattezza quanto accaduto a San Marco in Lamis

Coronavirus, assembramenti per il Venerdì santo nel Foggiano

Coronavirus: almeno cento persone davanti al sagrato della chiesa di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, per le celebrazioni del Venerdì santo

Non tutti rispettano le regole imposte dal governo per contrastare l'epidemia da coronavirus. A San Marco in Lamis, paese del Foggiano, infatti, vi sono stati assembramenti durante le preghiere del venerdì santo. Almeno un centinaio di persone ha assistito davanti al sagrato della chiesa di Maria Santissima Addolorata alla preghiera alla Vergine, recitata da don Matteo, senza rispettare le misure anti-contagio che vietano di uscire di casa in assenza di necessità e, come ben noto a tutti, proibiscono gli assembramenti. 

Video e foto delle celebrazioni a San Marco in Lamis stanno facendo il giro del web. Le forze dell'ordine stanno analizzando filmati anche di eventuali telecamere di sicurezza. A San Marco in Lamis, paese del Foggiano, c'è appena stato il primo decesso di un anziano positivo al virus Covid-19.

 

Il procuratore di Foggia aprirà un'inchiesta - "Stiamo raccogliendo tutti i filmati circolati nelle ore immediatamente successive la celebrazione religiosa al fine di verificare eventuali responsabilità". Ludovico Vaccaro, procuratore capo di Foggia, ha commentato così quanto accaduto venerdì sera a San Marco in Lamis, nel Foggiano. E annuncia: "A breve apriremo un'inchiesta, il nostro scopo è quello di ricostruire l'accaduto per accertare eventuali responsabilità di tipo omissivo. Di sicuro c'è stata una violazione delle misure anti-contenimento da virus Covid".

 

Il sindaco: "Doveva essere una preghiera senza fedeli, avrei dovuto fermare tutto" - "E' stato complicato, avrei dovuto interrompere quel momento di preghiera. Lo so, ho commesso un errore". Così il sindaco di San Marco in Lamis, Michele Merla, all'ANSA, a cui ha dichiarato di aver "accettato l'invito a partecipare alle celebrazioni religiose di don Matteo Ferro specificando che non dovessero prender parte i fedeli". "Poi, quando abbiamo iniziato a pregare, le persone che abitavano in zona sono scese in strada - ha aggiunto il sindaco -. Lo hanno fatto in maniera composta, anche rispettando, in un certo qual modo, le distanze di sicurezza. A quel punto avrei dovuto interrompere il rito religioso ma non l'ho fatto, e mi assumo le responsabilità. Già nella serata di ieri - ammette il sindaco - sono stato contattato dal prefetto di Foggia, Raffaele Grassi e dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ai quali ho spiegato le mie ragioni".

 

Coronavirus, a Bergamo la gente torna in strada: controlli sempre più serrati

A Bergamo, città gravemente colpita dal coronavirus, la gente torna a popolare le strade. I controlli delle forze dell'ordine si fanno così sempre più stringenti con camionette dell'esercito e posti di blocco della polizia in tutta la città.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali