FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, 1,4 milioni di mascherine al giorno grazie alla riconversione delle aziende di moda

A breve partirà la produzione di DPI (dispositivi di protezione individuale) quali camici, calzari e copricapo

coronavirus lavoratori mascherine
Ansa

Entro tre settimane la produzione di mascherine "chirurgiche" nelle aziende del circuito moda che hanno deciso la riconversione vedrà un incremento dalle attuali 350mila a 1,45 milioni al giorno. Il progetto è nato grazie al protocollo di intesa tra Confindustria Moda e Cna Federmoda. A 96 ore dal decreto si sono già riconvertite il 15% delle aziende della moda candidate.

A breve partirà la produzione di DPI (dispositivi di protezione individuale) quali camici, calzari e copricapo. Entro tre  settimane il dato aggregato di produzione di mascherine, oggi comunicato in via prudenziale, vedrà un incremento della produzione.

 

Coronavirus, i diversi tipi di mascherine e il loro uso corretto

Nel circuito della riconversione industriale nel settore della cura e igiene personale (in particolare assorbenti) si prevede di passare dall'attuale produzione di 150mila mascherine al giorno a 750mila al giorno entro le prime 3 settimane. Sono comunque in corso diverse riunioni produttive per determinare ipotesi di collaborazioni con altre industrie del settore per aumentare la capacità produttiva.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali