FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Como, litiga con la moglie e fa 450 km a piedi per smaltire la rabbia: trovato dalla polizia a Fano

Gli agenti hanno fermato il 48enne alle 2 di notte e hanno poi scoperto che mancava da casa da una settimana. Gli è stata anche comminata una multa per la violazione del coprifuoco

Tgcom24

Era uscito di casa per smaltire la rabbia dopo l’ennesimo litigio con la moglie. Una passeggiata iniziata a Como e finita a… Fano. Protagonista della singolare vicenda un 48enne, che ha percorso 450 chilometri a piedi. A trovarlo casualmente, alle 2 di notte, dei poliziotti che stavano facendo i controlli su strada per verificare il rispetto del coprifuoco imposto dalle normative anti-Covid. L'uomo, che camminava sul bordo della strada, è stato portato in commissariato, dove si è scoperto che mancava da casa da una settimana. E' stato anche multato per la violazione del coprifuoco. 

Come riporta Il Resto del Carlino, quando i poliziotti l’hanno fermato all’altezza di Gimarra (Fano), il 48enne, residente in provincia di Como, era lucido e ben orientato, ma affaticato ed infreddolito. Una volta in commissariato, ha raccontato la sua "avventura" ai poliziotti. 

 

"Sono venuto a piedi fin qui - ha dichiarato l’uomo -. Non ho usato nessun mezzo. In questi giorni ho mangiato e bevuto perché la gente che ho incontrato lungo il cammino mi ha offerto acqua e cibo. Sto bene. Sono solo un po’ stanco".

 

Mentre l'uomo camminava, la moglie era andata in questura a Como a denunciarne la scomparsa. Avvisata dagli agenti, la donna si è recata a Fano per recuperare il marito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali