FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Saviano in un liceo di Forlì: bufera sul preside che impone lʼacquisto del libro

Insorgono persino il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri e il leader della Lega Nord Matteo Salvini

Saviano in un liceo di Forlì: bufera sul preside che impone l'acquisto del libro

La visita di Roberto Saviano nel Liceo Classico di Forlì è finita sui giornali con due mesi di anticipo. Tutto è cominciato quando il dirigente del "G.B.Morgagni", Marco Molinelli, ha diffuso una circolare: per partecipare all'incontro del 15 marzo, gli studenti delle quarte e quinte classi devono acquistare il  a 16 euro il libro oggetto dell'incontro, "La paranza dei bambini".

Sul sito del liceo si legge che è 'un'importante occasione per incontrare uno degli scrittori più famosi"; l'adesione "deve riguardare l' intera classe con l'acquisto da parte degli studenti del romanzo". Entro il 18 gennaio le adesioni che riguardano anche il liceo scientifico, dopo di che "l'ufficio stampa di Saviano contatterà l'amministrazione comunale per reperire spazi idonei".

A mettere in discussione l'operato del preside non sono stati i genitori degli studenti, ma addirittura alti vertici istituzionali. Il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (FI) su Twitter ha parlato di "vergogna" e annunciato un'interrogazione al ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli.

Il leader della Lega Matteo Salvini ha invece twittato: "Arriva #Saviano e vuoi incontrarlo con la scuola? Studenti di Forlì obbligati dal preside a comprare il suo libro".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali