FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Napoli, rogo nella Città della Scienza: il custode condannato a sei anni

Lʼavvocato di Paolo Cammarota: "Rispettiamo la sentenza, ma ricorreremo in Appello". Lʼincendio risale al 4 marzo 2013

Napoli, rogo nella Città della Scienza: il custode condannato a sei anni

Condanna a sei anni di reclusione per il custode della Citta della Scienza di Napoli, andata a fuoco la sera del 4 marzo 2013. Il gup del Tribunale del capoluogo partenopeo ha ritenuto Paolo Cammarota responsabile dell'incendio di quella notte, che ridusse in cenere una vasta area della struttura che sorge nell'area di Bagnoli. Accolte dal giudice le richieste dei pm per l'imputato.

La difesa: "Ricorreremo in Appello" - "Ho fiducia nella magistratura, rispettiamo le sentenze, ma sono curioso di leggere quanto prima le motivazioni del magistrato che ha condannato Cammarota. Comunque, ricorreremo in Appello". E' quanto ha dichiarato l'avvocato Luca Capasso, legale di Paolo Cammarota. Il custode resterà comunque in libertà in quanto non sussistono i requisiti necessari (pericolo di fuga, reiterazione del reato e inquinamento delle prove) per la detenzione in carcere.

"Speriamo che la verità giudiziaria venga fuori - ha aggiunto il legale -. Ovviamente non ci aspettavamo questa sentenza, alla luce di due decisioni favorevoli, quella del gip che ha rigettato l'arresto e, soprattutto, quella del Riesame che entrando nel merito aveva evidenziato che non c'erano indizi di colpevolezza nei confronti dell'imputato".

La vicenda giudiziaria - La condanna è giunta al termine di un processo con rito abbreviato iniziato il 24 giugno. Subito dopo l'incidente, l'attenzione dei magistrati si concentrò sul custode Paolo Cammarota, che si è sempre proclamato innocente, e fin dai primi giorni fu subito chiara l'origine dolosa del rogo. La Città della Scienza, con l'assistenza dall'avvocato Giuseppe De Angelis, si costituì parte civile al processo. L'uomo è stato rinviato a giudizio dal gip di Napoli il 22 aprile.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali