FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, occupata una chiesa per accogliere i senzatetto

La chiesa è quello di SantʼAntonio a Tarsia del 1500. "Abbiamo deciso di organizzarci noi dal basso", spiegano i promotori dellʼiniziativa

Il movimento "Potere al Popolo", con una sua delegazione, ha riaperto e occupato una chiesa nel centro di Napoli, ormai chiusa da tempo e più volte saccheggiata, "per accogliere i senzatetto e i bisognosi di questa città che in questi mesi invernali rischiano la vita per il freddo". La chiesa è quello di Sant'Antonio a Tarsia del 1500. "Abbiamo deciso di organizzarci noi dal basso", spiegano i promotori dell'iniziativa.

Napoli, una casa contro il freddo per i bisognosi: giovani occupano chiesa

"Nella nostra città non ci sono abbastanza dormitori né una adeguata risposta all'emergenza freddo", hanno scritto i giovani su un volantino. I ragazzi che hanno riaperto le porte della chiesa si sono messi all'opera per risistemare parte dell'edificio, che si estende su una superficie vastissima senza contare l'annesso convento che in passato ha ospitato una scuola.

"Mentre tutti fanno a gara a chi la spara più grossa in termini di promessa - dicono ancora - vogliamo portare come elemento politico di questa campagna elettorale delle pratiche concrete: la solidarietà, il mutualismo e l'aiuto reciproco".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali