FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, fa la Tac con il cellulare: la "radiografano" mentre risponde

La donna era arrivata al Pronto soccorso con un forte mal di testa e i medici le avevano prescritto urgentemente lʼesame. Lei dopo lo scatto: "Scusate, ho portato il telefono con me per sbaglio"

Napoli, fa la Tac con il cellulare: la "radiografano" mentre risponde

Arriva in Pronto soccorso, al Cardarelli di Napoli, con un forte mal di testa. I medici mandano la donna in Neuroradiologia per una Tac d'urgenza. I tecnici la sistemano davanti all'apparecchiatura per l'esame e, proprio mentre stanno per scattare la foto, vedono la sagoma del teschio della donna con un cellulare all'orecchio. La foto viene scattata e l'immagine mostra chiaramente la scena: paradossale. La donna si scusa: "L'avevo portato con me per sbaglio".

Il regolamento vieta espressamente ai pazienti di portare lo smartphone con sè quando stanno effettuando degli esami. E l'immagine, scattata dai tecnici, ha evidentemente fatto scalpore. L'esame, senza smartphone, è poi stato effettuato regolarmente e non si sono riscontrate patologie. Ma quello che è successo, come ha detto lo stesso primario, il professor Mario Muto, "mi è sembrato paradossale. Eppure è accaduto davvero. La signora stava parlando al telefono durante la Tac".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali