FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, a 9 anni in sedia a rotelle lancia un appello: "Rispettate noi disabili, la città è di tutti"

La bimba di Nola dice no alle barriere architettoniche e invita i suoi concittadini a considerare la realtà di chi non ha lʼuso delle gambe

"Marciapiedi liberi", chiede una bimba disabile di 9 anni di Nola (Napoli). Il suo appello è in un video postato su Facebook con migliaia di condivisioni in pochi giorni. "Sì alla libertà di movimento, no alle barriere architettoniche", aggiunge la piccola nello sfogo ripreso dalla mamma. Il suo è un accorato invito ai concittadini ad avere "più rispetto, più civiltà e più educazione" per i disabili: "Siete tanto concentrati solo su di voi che noi non esistiamo, ma la città è di tutti".

Nel suo breve video di denuncia, la bimba elenca le difficoltà, vissute in prima persona, di muoversi in città in carrozzina, per via dei comportamenti scorretti di cui è vittima. "Sui marciapiedi c'è di tutto: lampioni in disuso, bidoni della spazzatura, sedie, tavoli, bici e moto", sottolinea.

"La maggior parte dei marciapiedi, poi, è senza scivolo, - continua - quelli che li hanno sono usati come parcheggio di auto". "Fate funzionare il cervello, servono rispetto ed educazione", è l'ultima richiesta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali