FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Irpinia, bus in scarpata: guasto meccanico provocò blocco dei freni

Durante il processo in corso ad Avellino il perito ha sottolineato che il guasto non è direttamente collegabile alle condizioni generali di manutenzione dellʼautomezzo. Nellʼincidente morirono 40 persone

Irpinia, bus in scarpata: guasto meccanico provocò blocco dei freni

Fu un guasto meccanico a determinare la compromissione dell'impianto frenante del bus che il 28 luglio del 2013 precipitò dal viadotto Acqualonga dell'A16 Napoli-Canosa, in Irpinia, provocando la morte di 40 persone. Lo ha confermato durante il processo in corso ad Avellino l'ingegnere Alessandro Lima, incaricato dalla Procura di redigere una perizia per stabilire le cause che determinarono il drammatico incidente.

Nella sua deposizione, il perito ha ribadito che "il bus, qualche chilometro prima del viadotto, subì la rottura del giunto cardanico e la conseguente perdita dell'albero di trasmissione, che a sua volta determinò il blocco dell'impianto frenante".

Un guasto, è stato anche sottolineato, non direttamente collegabile alle condizioni generali di manutenzione dell'automezzo ("non al meglio", ha sottolineato Lima) che aveva già percorso oltre 800mila chilometri. La prossima udienza, davanti al collegio presieduto da Luigi Buono, è fissata per il 17 febbraio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali