FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Donna uccisa durante una lite a Napoli: arrestato il marito, ha confessato

Eʼ accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà. Ha raccontato di aver colpito la moglie con una stampella per gelosia

E' stato arrestato Vincenzo Lo Presto, l'uomo di 41 anni che ha ucciso la moglie, Fortuna Belisario, di 36 anni, al culmine di un litigio nel loro appartamento di Miano, nella periferia nord di Napoli. La donna era stata trovata morta in casa dalla squadra del 118 giunta dopo la chiamata del 41enne che ha subito ammesso di averla colpita. In quel momento era presente anche la madre della vittima che è stata soccorsa per un malore.

Napoli, donna uccisa a colpi di stampelle: arrestato il marito

L'uomo, che ha confessato davanti agli inquirenti, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà. Inizialmente l'ipotesi di reato era quella di omicidio preterintenzionale. Il pm ha cambiato l'accusa dopo l'interrogatorio. Lo Presto ha colpito la moglie con una stampella ortopedica che lui stesso usava per i suoi spostamenti a causa di alcuni problemi ortopedici. Il movente della lite sarebbe la gelosia.

La vittima lascia tre bambini di 7, 10 e 11 anni, che al momento dell'accaduto non erano presenti in casa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali