FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, De Luca chiude le scuole e le università in Campania fino al 30/10 | Azzolina: "Decisione gravissima"

Lʼordinanza del governatore dopo il picco di contagi in Regione. Solo le matricole del primo anno potranno seguire le lezioni in presenza. Stop anche alle feste e misure più severe contro gli assembramenti

Minilockdown ad Arzano: scatta protesta dei commercianti

Protestano i commercianti di Arzano, grosso centro in provincia di Napoli, dove da poche ore è scattato un mini lockdown disposto dalla Commissione straordinaria che amministra il Comune in seguito a un considerevole incremento di contagi da Covid-19, oltre 200. Alcune decine di esercenti prima hanno manifestato sotto la sede del Municipio, poi hanno organizzato un blocco stradale. Le manifestazioni sono scattate dopo la decisione di chiudere fino al 23 ottobre prossimo le scuole, il cimitero e i negozi ad eccezione di quelli di generi di prima necessità. 

Il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, vara ulteriori misure di contenimento dopo l'impennata di contagi di coronavirus in Campania. Il governatore ha detto che fino al 30 ottobre le attività scolastiche sono sospese in tutta la Regione e le lezioni sono consentite solo "a distanza". Didattica da remoto anche in università, con l'eccezione delle matricole. Il ministro Azzolina: "Decisione gravissima".

Guarda anche la mappa dei contagi

 

Il ministro attacca: "De Luca ha sbagliato" - Il ministro dell'Istruzione dice che quella del presidente della Campania è stata una disposizione "profondamente sbagliata e anche inopportuna. Sembra ci sia un accanimento del governatore contro la scuola. In Campania lo 0,75% degli studenti è risultato positivo a scuola e di certo non se lo è preso a scuola. La media nazionale è 0,80. Se c'è crescita di contagi non è di certo colpa della scuola". 

 

La stretta della Campania - Le misure sono state prese dalla Regione Campania perché nelle ultime 24 ore è stato superato il saldo di 800 unità tra nuovi casi e guariti, parametro che il governatore aveva indicato come soglia per "chiudere tutto".

 

Scuole chiuse per due settimane - Niente lezioni in presenza quindi in tutte le scuole primarie e secondarie fino alla fine del mese e sospese le attività didattiche e di verifica in presenza anche nelle università, con l'eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno. 

 

Vietate le feste - Nella nuova ordinanza della Regione si vietano inoltre le feste, in luoghi pubblici, aperti al pubblico e privati, al chiuso o all'aperto, e si sospendono le attività di circoli ludici e ricreativi. Vietate anche le cerimonie civili e religiose. Agli enti e uffici competenti viene raccomandato di differenziare gli orari di servizio giornaliero del personale in presenza e bar e ristoranti non possono vendere  cibo da asporto dalle 21, mentre resta consentito il delivery senza limiti di orario.

 

Niente assembramenti e mobilità incontrollata - Sono inoltre state adottate "misure rigorose con il doppio obiettivo di limitare al massimo le circostanze di assembramenti pericolosi in ogni ambito, privato e pubblico, e con l'obiettivo di ridurre al massimo la mobilità difficilmente controllabile". Nell'ordinanza si sottolinea "il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivante da contatti nel mondo scolastico". 

 

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali