FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Camorra, catturato a Napoli il superboss Marco Di Lauro: era il secondo più ricercato in Italia dopo Messina Denaro

Operazione congiunta di polizia e carabinieri. Era in una casa alla periferia della città, a una manciata di chilometri da Secondigliano

Il superlatitante di camorra Marco Di Lauro, è stato catturato alla periferia di Napoli. Latitante da 14 anni, era il secondo ricercato più pericoloso d'Italia dopo Matteo Messina Denaro. Quando in casa sono arrivati gli uomini delle forze, stava consumando un piatto di pasta. La sua cattura potrebbe essere legata a un femminicidio avvenuto a Milito, che ha coinvolto uno ex sorvegliato speciale, in passato vicino al clan.

Di Lauro era ricercato per associazione di tipo mafioso, e altri realti, e nel 2006 sono state diramate le ricerche anche in campo internazionale. Quarto figlio del boss Paolo Di Lauro, era latitante dal 7 dicembre 2004, quando sfuggì al maxi blitz nella "notte delle manette", in cui circa mille agenti invasero Scampia e Secondigliano ed eseguirono 53 ordinanze. Sulla sua testa pende un ergastolo per l'omicidio dell'innocente Attilio Romanò, ucciso per errore nel gennaio del 2005 nell'ambito della prima faida di Scampia.

La zona dove è stato catturato era da tempo sotto la stretta osservazione delle forze dell'ordine. Gli investigatori sapevano che il rampollo del potente clan del quartiere Secondigliano non poteva essere molto lontano. Via Emilio Scaglione, la lunga strada che conduce verso la cintura a nord di Napoli, è ad appena una manciata di chilometri dal quello che era il quartiere generale del clan. Avuta la certezza che l'uomo era in casa, polizia e carabinieri sono entrati in azione concludendo il blitz in pochissimo tempo.

Napoli, catturato il superboss di camorra Marco Di Lauro

Il clan Di Lauro è stato protagonista tra il 2003 ed il 2005 di una delle più sanguinarie faide di camorra. Lo scenario sono stati i quartieri dell'area nord occidentale di Napoli, quelli di Secondigliano e di Scampia. A scatenare la faida che vedeva contrapposti i fedelissimi del clan e alcuni ex appartenenti che decisero di mettersi in proprio, da qui il nome di "girati" o di scissionisti, fu il controllo del traffico di stupefacenti nella zona. Marco, tra i figli di Paolo Di Lauro, soprannominato Ciruzzo 'o' milionario' (per la sua disponibilità finanziaria) è sempre stato considerato il più scaltro.

"Non era armato e non ha opposto resistenza, invece si è preoccupato dei gatti. È stato catturato mentre era a casa con la compagna, mangiava pastasciutta e pistacchi, mentre la compagna faceva le faccende domestiche", ha detto il questore di Napoli, Antonio De Jesu, che è sceso dai suoi uffici per accogliere i suoi uomini che, insieme all'Arma dei Carabinieri, hanno condotto l'operazione. Soddisfatto anche il comandante provinciale dei carabinieri di Napoli, colonnello Ubaldo Del Monaco, che ha evidenziato che l'azione si è svolta sotto il coordinamento della Dda di Napoli guidata dal procuratore Melillo. "Siamo contenti", ha aggiunto Del Monaco.

Soddisfazione per l'arresto di Di Lauro è stata espresso dal premier Giuseppe Conte, dai ministri Matteo Salvini e Alfonso Bonafede oltre che dal presidente della Commissione antimafia Nicola Morra.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali