FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Camorra, 15enne uccide due affiliati al clan: erano troppo autonomi

Il baby boss è mandante ed esecutore del delitto: doveva servire a dare lʼesempio

Camorra, 15enne uccide due affiliati al clan: erano troppo autonomi

A soli 15 anni ha ucciso due affiliati al suo clan camorristico perché colpevoli di aver preso iniziative considerate troppo autonome. Il ragazzino, un rampollo del clan Amato-Pagano di Melito di Napoli, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di essere mandante ed esecutore dell'omicidio di Alessandro Laperuta e Mohamed Nuvo, avvenuto il 20 giugno 2016. Il delitto doveva servire a "dare l'esempio" agli altri affiliati al clan.

A scoprirlo le indagini dei militari del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della tenenza di Melito.

I carabinieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza emessa dal gip presso il tribunale per i minorenni di Napoli, su richiesta della locale Procura, con le accuse di omicidio aggravato da finalità mafiose e di detenzione e porto illegale di armi da guerra a carico del ragazzo di Melito, ora 16enne, ritenuto un elemento di spicco del clan camorristico degli "Amato-Pagano", operante a Melito e nei comuni vicini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali