FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Avellino, autovelox nascosto dietro a un cartello autostradale: polemica sui social

Lo denuncia su Facebook Luca Abete, volto noto di Striscia la Notizia

Un autovelox nascosto dietro a un cartello autostradale sul raccordo Avellino-Salerno è finito nel mirino di Luca Abete, volto noto di Striscia la Notizia. L'inviato del tg satirico ha postato su Facebook una foto della strumentazione per rilevare la velocità, posizionata pochi metri dopo il cartello che indica l'uscita di Serino. In breve tempo il post è diventato virale e si è scatenata la polemica sui social. 

Nel post, diventato virale in poche ore, Luca Abete scrive: "Ma si... mettiamolo un bell'autovelox ben nascosto dietro a un mega cartello stradale! Oltre a giocare a 'nascondino' o pensare di limitare i rischi controllando la velocità, avrebbero potuto provare a rendere più sicuro un tratto di strada da sempre pericoloso. E voi che ne dite: vi piace questa istallazione artistica?".

 

Molte le risposte ricevute, in gran parte da parte di automobilisti contrariati per la posizione scelta. Alcuni utenti hanno invece fatto notare come nel tratto autostradale i limiti di velocità non vengono rispettati e l'installazione del velox può essere un buon detterente verso coloro che schiacciano un po' troppo il piede sull'acceleratore. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali