FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cambia il "Padre Nostro", Papa Francesco: "Può Dio indurci in tentazione?"

Da novembre la "correzione" dovrebbe essere recepita anche in Italia, dopo che Spagna e Francia hanno già modificato il testo

Da novembre cambierà il "Padre Nostro", una delle preghiere più conosciute e importanti della religione cattolica. Il passaggio "incriminato" è quello che recita "non indurci in tentazione" che diverrà "non abbandonarci alla tentazione". Una questione lessicale che può apparire semplice, ma che si porta dietro invece una serie di risvolti teologici. La traduzione "sbagliata" della preghiera è già stata modificata in Spagna e in Francia. A novembre, dopo che sarà approvata dalla Conferenza episcopale dei vescovi, la "correzione" arriverà anche in Italia.

Papa Francesco: "Può Dio indurre in tentazione l'uomo?" - Sulla traduzione sbagliata dell'unica preghiera insegnata da Gesù ai discepoli è tornato anche il Papa durante l'incontro con i giovani al Circo Massimo. "Nella preghiera del Padre Nostro c'è una richiesta: 'Non ci indurre in tentazione' - ha spiegato il Pontefice -. Questa traduzione italiana recentemente è stata cambiata, perché poteva suonare equivoca". "Può Dio Padre 'indurci' in tentazione? Può ingannare i suoi figli? - ha chiesto - Certo che no. Infatti una traduzione più appropriata è: 'Non abbandonarci alla tentazione'. Trattienici dal fare il male, liberaci dai pensieri cattivi...". "A volte le parole, anche se parlano di Dio, tradiscono il suo messaggio d'amore. A volte siamo noi a tradire il Vangelo", ha quindi spiegato Papa Francesco.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali