FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

ʼNdrangheta, Dda: "Sequestrare il Crotone, patron vicino alla mafia"

Il Tribunale della città pitagorica ha rigettato lʼistanza di confisca dei beni del gruppo Vrenna, ma la Procura ha presentato ricorso allegando dichiarazioni di pentiti della ʼndrangheta

'Ndrangheta, Dda: "Sequestrare il Crotone, patron vicino alla mafia"

Dal sogno della Serie A al sequestro da parte della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. E' il futuro che potrebbe attendere il Crotone Football Club, secondo in Serie B, che rientra in un lungo elenco di beni, per un valore totale di circa 800 milioni di euro, su cui l'antimafia vorrebbe apporre i sigilli. Sulla base di dichiarazioni da parte di pentiti della 'ndrangheta, la procura ha aperto un'inchiesta sul patron della squadra, Raffaele Vrenna, e sul fratello, definiti "imprenditori attigui al fenomeno mafioso".

La decisione dei giudici - Come si legge su La Stampa, il Tribunale di Crotone ha però rigettato la richiesta di confisca di tutti i beni del gruppo imprenditoriale che fa capo ai fratelli Vrenna e della misura di prevenzione richiesta nei loro confronti che consiste nella sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per 5 anni. I due imprenditori sono stati infatti ritenuti "del tutto estranei alla criminalità organizzata crotonese, da cui hanno subito viceversa angherie e danni".

Il ricorso - Dalle testimonianze di alcuni pentiti raccolte dalla Dda emerge però che gli imprenditori, attivi nel settore della raccolta dei rifiuti, avrebbero pagato una cosca della 'ndrangheta per "assicurarsi" da attentati e danneggiamenti. Da qui la decisione dell'antimafia di presentare ricorso allegando alle carte nuove dichiarazioni di collaboratori di giustizia. I magistrati della Dda si sono detti sicuri della vicinanza dei Vrenna al fenomeno mafioso "per essersi sin dalla genesi della loro attività accordati con le consorterie criminali", in particolare "con quella denominata Vrenna-Corigliano-Bonaventura".

Nel 2006 Raffaele Vrenna venne di concorso esterno in associazione mafiosa, condannato in primo grado e poi assolto. Proprio quest'ultima sentenza viene richiamata dai giudici di Crotone per sostenere l'estraneità di Vrenna alle dinamiche criminali. Da parte loro, i magistrati ribadiscono la "pericolosità sociale" del patron della squadra rivelazione: "è un imprenditore disposto a tutto, a commettere falsi e abusi e anche fare affari con persone che sa o intuisce essere losche".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali