FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

ʼNdrangheta, arrestato in Calabria il latitante Antonino Pesce

I carabinieri lo hanno bloccato in un appartamento dove era andato per incontrare la compagna e i figli

I carabinieri hanno arrestato il latitante Antonino Pesce: il 34enne, ritenuto il reggente dell'omonima cosca, si nascondeva in un appartamento a Gioia Tauro, nel Reggino. L'arresto è avvenuto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda, per associazione mafiosa e traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Pesce era latitante da luglio 2016.

I carabinieri lo hanno bloccato in un appartamento dove, verosimilmente, si era recato per incontrare la compagna ed i figli. Alla vista dei carabinieri, Pesce ha tentato di disfarsi di una pistola lanciandola dalla finestra dell'abitazione: l'arma, recuperata dai militari, è risultata essere una semiautomatica in ottimo stato e perfettamente efficiente, completa di caricatore e relativo munizionamento, frutto di un furto a Civitanova Marche del 2015.

Antonino Pesce è ritenuto il reggente dell'omonima cosca, nonché colui che si occupava dell'approvvigionamento delle risorse finanziarie, principalmente gestendo l'attività di importazione di cocaina dal Sudamerica e curando l'uscita della droga. L'uomo curava i rapporti con le altre cosche in particolare quella dei Bellocco e dei Molè, più in generale svolgendo le funzioni di organizzatore e promotore della cosca.

Pesce è stato portato nel carcere di Palmi assieme a Tonino Belcastro, 53enne già noto alle forze dell'ordine e proprietario della casa dove i carabinieri hanno fatto irruzione, arrestato assieme al latitante per il reato di favoreggiamento personale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali