FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brescia: la storia di Monia, uccisa 30 anni fa dall'ex | La madre chiede il risarcimento allo Stato

Aveva 19 anni quando, il 13 dicembre del 1989, lʼex fidanzato la uccise e gettò via il suo cadavere in un sacco. Lʼuomo non ha mai risarcito la famiglia, che ora torna a chiedere giustizia

"Mia figlia è stata uccisa trent'anni fa, il suo assassino non ha mai risarcito, ora aspetto lo Stato". Lo ha detto la madre di Monia Del Pero, uccisa a 19 anni il 13 dicembre del 1989 a Manerbio, nel Bresciano, dall'ex fidanzato che aveva poi gettato il corpo, nascosto in un sacco, in un burrone.

Martedì davanti al tribunale di Roma è prevista l'udienza nella quale sarà chiesto il risarcimento, atteso da 30 anni.

 

 

Un caso che arriva nella Capitale dopo che Ministero dell'Interno, Tar di Brescia, Consiglio di Stato e Tribunale ordinario di Brescia si sono dichiarati incompetenti in materia. "C'e' una disparità di trattamento tra le vittime. Spero che possa essere sollevata la questione di legittimità costituzionale", dice l'avvocato Piera Buffoli che martedì assisterà Gigliola Bono, la madre di Monia Del Pero. "Nel nostro ordinamento ci sono normative che prevedono che nel caso in cui chi ha procurato il danno non risarcisca sia lo Stato a farlo. Perché non avviene con i femminicidi?", si chiede il legale che aggiunge: "Lo Stato, in casi come quelli di Monia Del Pero ha una responsabilità. Perché dimostra di non essere in grado di proteggere la donna, ma nemmeno di educare gli uomini".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali