FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bimba di 8 mesi morta a Salerno, arrestato il padre per omicidio

I medici hanno trovato sul corpo della piccola lesioni e lividi. Secondo gli investigatori allʼorigine del decesso ci sarebbero "i ripetuti maltrattamenti e lʼomissione reiterata dei necessari soccorsi"

E' stato arrestato il padre della bimba di 8 mesi morta sabato notte a Sant'Egidio del Monte Albino (Salerno). La bimba, Jolanda, era arrivata all'ospedale di Nocera con lividi e lesioni. L'uomo di 37 anni, Giuseppe Passariello, insieme alla moglie, è indagato per omicidio volontario aggravato. La custodia in carcere è scattata per pericolo di fuga. Per gli investigatori, all'origine del decesso "i ripetuti maltrattamenti e l'omissione dei soccorsi".

La bambina era arrivata nel cuore della notte, intorno alle 3.30, in ospedale, ma ormai non c'era più niente da fare: era già morta. Sul corpo sono stati trovati lividi, escoriazioni simili a bruciature e lesioni. Stando a quanto emerso, la famiglia della bambina era problematica: il padre, che aveva diversi precedenti a suo carico, aveva lasciato poco tempo fa una comunità di recupero per tossicodipendenti. Era tornato nel Salernitano, dove viveva insieme alla moglie, alla piccola e a un altro bimbo, di due anni.

I vicini: "Spesso violenze in quella famiglia" - Stando a quanto raccontato dai vicini di casa, nella famiglia della piccola c'erano frequenti liti e violenze. "Tutti sapevamo, il papà aveva precedenti e un passato nella tossicodipendenza. L'uomo picchiava la moglie e spesso sentivamo i bambini piangere". Le violenze però non sarebbero mai state denunciate.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali