FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Potenza, salme in fosse comuni per liberare i loculi: sei arresti

Le indagini sono partite dalla denuncia di un cittadino sulla compravendita dei loculi nel cimitero di Rionero in Vulture

cimitero generica

Sei persone sono state arrestate con l'accusa di aver liberato i loculi del cimitero di Rionero in Vulture (in provincia di Potenza) e di aver gettato le salme in "vere e proprie fosse comuni". Il particolare è emerso nel corso dell'operazione "il grido dell'Ade" sull'affidamento di appalti nello stesso Comune lucano. Le indagini sono partite dalla denuncia di un cittadino sulla compravendita dei loculi nel cimitero di Rionero.

Gli investigatori hanno individuato "un sistema che di fatto orientava e monopolizzava l'aggiudicazione dei servizi e dei lavori pubblici del Comune di Rionero in Vulture", tra cui la gestione del cimitero, per un totale di circa due milioni di euro. Al centro dell'operazione la famiglia Aiuola, che gestiva il cimitero di Rionero e alla quale facevano capo diverse società, una delle quali aveva in gestione il cimitero di Orta Nova (Foggia) dove sono stati accertati casi di corruzione.

 

La Squadra mobile di Potenza ha anche eseguito una settima misura interdittiva, quella del divieto di esercitare attività imprenditoriali, e un provvedimento di sequestro preventivo "per equivalente" sui beni degli indagati.

 

Le indagini hanno riguardato anche i servizi funerari da parte di imprese collegate alla famiglia Aiuola, a cui "anche grazie a complicità all'interno del Comune di Rionero, gli utenti erano indotti a ricorrere".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali