FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bari, mamma 35enne muore dopo operazione per dimagrire: tre indagati

Ipotizzato il reato di omicidio colposo per tre medici: Alessandro Besozzi, Maria Grazia Sederino e Fabio Porcelli

E' morta dopo un intervento per un bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei di Bari Annalisa Zizza, 35enne di Ostuni (Brindisi), sposata e madre di un bimbo di sei anni. La donna si era recata andata in clinica giovedì scorso per sottoporsi all'operazione chirurgica che riduce le dimensioni dello stomaco e consente di perdere peso. Tra lo sconforto e la rabbia, i familiari hanno immediatamente sporto denuncia ai carabinieri.  Lo riporta il Nuovo Quotidiano di Puglia.

A quanto si è appreso, la donna era entrata in sala operatoria alle 9 del mattino di giovedì 18 luglio e da lì non è mai uscita. Alle 19, il personale sanitario ha dato la tragica notizia al marito. La donna è morta intorno alle 18.30 in sala operatoria.

Tre medici indagati per omicidio colposo - Dopo la denuncia del marito di Annalisa Zizza, la procura ha aperto un fascicolo. Lunedì mattina sarà eseguita l'autopsia sul corpo della donna. La pm della Procura di Bari, Grazia Errede, che coordina le indagini sul decesso, ipotizza il reato di omicidio colposo a carico dei tre medici Alessandro Besozzi, Maria Grazia Sederino e Fabio Porcelli.


Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali