FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Assenteismo allʼassessorato alla Salute in Sicilia: 42 indagati, 11 sono stati arrestati

Operazione della guardia di finanza contro decine di "furbetti del cartellino" a Palermo: alcuni si recavano al supermercato o dal parrucchiere durante lʼorario di lavoro, dopo aver timbrato il badge

La guardia di finanza ha arrestato undici dipendenti dell'assessorato alla Salute della Regione Sicilia. In tutto i "furbetti del cartellino" indagati sono 42: altri undici hanno avuto notificato l'obbligo di firma e i restanti venti sono stati denunciati in stato di libertà. Secondo la Procura di Palermo, dalle indagini è "emersa una consolidata prassi di assenteismo ingiustificato", con "presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate".

Gli indagati, secondo l'accusa, grazie alla mutua collaborazione fra loro e tramite lo scambio dei badge e l'utilizzo improprio dei pc aziendali, riuscivano in modo sistematico ad attestare false presenze. Sono accusati, a vario titolo, di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico e false attestazioni e certificazioni.

Molti dipendenti, mentre risultavano in servizio, erano invece soliti recarsi a lavoro con circa tre ore di ritardo perché impegnati in faccende private, come ad esempio fare la spesa o recarsi dal parrucchiere, in alcuni casi anche al di fuori delle mura di Palermo. Gli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle hanno consentito di fare luce sul fenomeno dei cosiddetti "dipendenti fantasma", rilevando e censendo più di 400 ore fraudolentemente attestate, ma in realtà mai rese.

Regione Sicilia, assenteismo allʼassessorato alla Salute

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali