FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

P.a., stretta sullʼassenteismo: presto impronte digitali per entrare in ufficio

Eʼ quanto prevede il ddl del ministro Bongiorno che arriva in Consiglio dei ministri. Obiettivo controlli più efficienti sul personale e maggiore efficienza dei servizi

P.a., stretta sull'assenteismo: presto impronte digitali per entrare in ufficio

Niente più cartellino per i dipendenti pubblici. Presto per entrare in ufficio, invece del classico "timbro", i lavoratori statali dovranno "passare" le loro dita: i nuovi sistemi di controllo rileveranno le impronte digitali per farla finalmente finita con i "furbetti del cartellino". Stretta sull'assenteismo e maggiore efficienza per la Pubblica amministrazione sono infatti gli obiettivi del disegno di legge messo a punto dal ministro Giulia Bongiorno, che arriva giovedì in Consiglio dei ministri.

Il testo punta a una maggiore qualità del servizio e a mettere alle strette i furbetti del cartellino rilevando le presenze usando le impronte digitale e i dati biometrici. "Voglio evitare - ha detto infatti il ministro - che ci siano Comuni in cui la gente non va a lavorare. Passerà in via definitiva il mio provvedimento, che prevede nella Pubblica amministrazione controlli biometrici". Le verifiche saranno fatte ""con l'identificazione facciale, con l'impronta digitale o con l'iride - precisa la Bongiorno -. Dopo anni di blocco del turnover, finalmente abbiamo la possibilità di assunzioni al 100%. Uno va via e uno entra. Direi che è un dato storico visto che da decenni avevamo turnover al 25%. Sono previste anche assunzioni straordinarie perché riteniamo che la Pubblica assunzione debba ritornare a correre".

Ecco cosa cambia con la nuova legge.

Via alle assunzioni - Le amministrazioni dello Stato possono procedere a decorrere dal 2019 ad assunzioni a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente a una spesa pari al 100% di quella relativa al personale di ruolo cessato nell'anno precedente. In pratica non c'è un limite sul numero delle persone e, dal momento che il personale che va in pensione è in genere più costoso di quello che entra, si potranno assumere più lavoratori di quelli in uscita.

Priorità per le competenze digitali - Le amministrazioni dovranno elaborare il piano dei fabbisogni tenendo conto dell'esigenza di assicurare l'effettivo ricambio generazionale e la migliore organizzazione del lavoro ma soprattutto della necessità di reclutare figure professionali con elevate competenze nella digitalizzazione, nella semplificazione dei procedimenti amministrativi, nella qualità dei servizi pubblici, nella gestione dei fondi strutturali, nella contrattualistica pubblica, nel controllo di gestione e nell'attività ispettiva.

Uso delle graduatorie per ridurre il tempo delle assunzioni - Si potranno assumere a tempo indeterminato i vincitori di concorso ma si potrà ricorrere anche allo scorrimento delle graduatorie nel limite dell'80% delle facoltà di assunzione per ciascun anno.

Stop ai furbetti con la videosorveglianza e le impronte digitali - I badge e i fogli presenze lasceranno il passo alle impronte digitali o al controllo dell'iride anche se il ddl non intende individuare già la "specifica tecnologia che sarà impiegata" per la lotta all'assenteismo. Questa tecnologia sarà individuata in un secondo momento con fonte regolamentare dopo aver acquisito il parere del garante per la protezione dei dati personali.

Nucleo per la concretezza - Si istituisce una nuova struttura denominata Nucleo della concretezza che dovrà individuare le azioni che consentiranno di verificare la corretta applicazione delle disposizioni in materia di organizzazione e funzionamento delle amministrazioni e garantire il miglioramento dell'efficienza "con indicazione dei tempi per la realizzazione delle azioni correttive".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali