FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Arezzo, uccise la moglie e la suocera: condannato all'ergastolo

L'uomo, Jawad Hicham, 38 anni, marocchino, ha accoltellato la sua compagna di 35 anni e la mamma di lei, di 76, la notte tra il 12 e il 13 aprile. In casa con loro anche i due figli

Arezzo, uccise la moglie e la suocera: condannato all'ergastolo - foto 1
Da video

La Corte d'assise di Arezzo ha condannato all'ergastolo Jawad Hicham, 38 anni, marocchino, accusato di aver ucciso a coltellate la moglie Sara Ruschi, 35 anni, e la suocera Brunetta Ridolfi, 76, che era intervenuta nel tentativo di difendere la donna, nella notte tra il 12 e il 13 aprile nel capoluogo toscano.

Il duplice delitto avvenne nell'appartamento di via San Lorentino, dove la coppia viveva con i due figli di 16 e 2 anni. A dare l'allarme era stato il figlio maggiore. Il pm aveva chiesto l'ergastolo.

Arezzo, uccise la moglie e la suocera: condannato all'ergastolo - foto 2
Tgcom24

La dinamica dell'omicidio di Arezzo

 La furia omicida del 38enne si è scatenata contro le donne dopo una serie di messaggi scambiati per telefono con la moglie, che occupava un'altra stanza della casa. Una ventina le coltellate inferte alla donna, tre quelle alla madre di Sara Bruschi che viveva con loro e sarebbe intervenuta a difesa della figlia.

 

Il 38enne cacciato di casa e poi riaccolto

 Dopo il duplice omicidio, Jawad Hicham uscì dall'abitazione, in stato di shock, gridando "le ho ammazzate, le ho ammazzate". Sara Bruschi, un mese prima di morire, aveva cacciato di casa il 38enne per poi riaccoglierlo una decina di giorni prima dell'aggressione fatale. 

 

La difesa e la richiesta della perizia psichiatrica

 La difesa dell'uomo aveva chiesto che il 38enne fosse sottoposto a perizia psichiatrica, istanza però rigettata dalla Corte d'Assise. Nell'arringa finale l'avvocato aveva chiesto che non fosse riconosciuta l'aggravante del legame parentale e la possibilità di accedere al rito abbreviato.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali