FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Allatta il bimbo in un ristorante, polemiche per la foto pubblicata sui social: "Eʼ ostentazione"

La mamma blogger condivide su Instagram la poppata del suo bimbo di pochi giorni e viene ricoperta di insulti

Allatta il bimbo in un ristorante, polemiche per la foto pubblicata sui social: "E' ostentazione"

Una innocente foto pubblicata su Instagram ha acceso la polemica online: la blogger Valentina Piccini ha condiviso sul proprio profilo social una foto in cui allatta il suo piccolo Ruggero Gregorio di soli 13 giorni ed è stata subito sommersa dalle critiche e dagli insulti di chi non ha gradito l'immagine esplicita.

"Mi hanno tacciato di OSTENTAZIONE del seno, di PROVOCARE, addirittura una ha detto 'è tuo diritto allattare, ma è mio diritto mentre sono al ristorante che tu non lo faccia mentre io mangio'", ha riportato la donna. "Se vedere qualcosa di sessuale in questa foto - ha proseguito nel post - se ci vedete una provocazione, se provate schifo a vedere un neonato allattato dalla sua mamma mentre voi mangiate le tagliatelle... Avete dei problemi. Seri. E ve lo dice una che l'allattamento non lo ama nemmeno ma che in questa foto vede soltanto tenerezza. E tranquille, se voglio far vedere le tette mi faccio un profilo Instagram magari come uno dei vostri, con magliette attillate o bikini".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali