FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alice Brignoli, "la mamma Isis" vuole tornare in Italia

Una Ong ha fatto sapere che la donna e i suoi quattro figli si trovano in un campo profughi in Siria e chiedono di essere rimpatriati

Alice Brignoli, la “mamma Isis” partita per la Siria nel 2015, è viva e vuole tornare a casa. La donna, che viveva a Bulciago (provincia di Lecco), dopo essersi convertita all’Islam, era partita con il marito Mohamed Koraichi e i tre figli per unirsi ai combattenti del Califfato arabo. Ora si trova in un campo profughi dove è confinata con migliaia di altre vedove e “leoncini dell’Isis”, come i suoi figli. Attraverso una Ong ha chiesto di poter tornare in Italia, ma le procedure per il rimpatrio non sono facili.

Nel febbraio 2015 la donna, 42 anni, è partita con il marito di origini marocchine e i tre figli di 11, 9 e 7 anni. L’obiettivo, come ha confermato la madre di Alice che ne ha denunciato la scomparsa, era quello di raggiungere lo Stato Islamico e trasformare i bambini in baby foreign fighters. Ora si sono perse le tracce di Mohamed, probabilmente morto in combattimento, ma la donna e i suoi quattro figli (uno appena nato) vogliono tornare in Italia. Lo hanno fatto sapere attraverso una Ong che opera in Siria: “Per favore aiutatemi, riportatemi a casa mia, voglio tornare in Italia con i miei bambini”, è il messaggio di Alice. 

 

Il rimpatrio però non può essere immediato: prima di tutto è necessario identificare la donna e accertarsi che abbia davvero cittadinanza italiana. Su Alice Brignoli inoltre pende un mandato di cattura internazionale, quindi dovrebbe essere subito arrestata per evitare che si unisca ad altre cellule terroristiche. I mediatori però avvertono che resta poco tempo: l’offensiva turca contro i Curdi potrebbe travolgere il campo profughi e tutti i reduci dello Stato islamico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali