FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

A Palermo manca il pulmino per portare a scuola i disabili

"Le Iene" racconta il dramma vissuto da 500 famiglie siciliane, in attesa che le istituzioni risolvano il problema

Nell'hinterland palermitano i bambini disabili non possono andare a scuola. Gli enti comunali e provinciali non garantiscono loro il pulmino per il trasporto, così le famiglie e i ragazzi hanno solo due scelte: rinunciare alla scuola, rischiando di far profondare il ragazzo in una situazione di emarginazione, o farsi carico della trasferta quotidiana. In questa situazione si trovano circa 500 famiglie che compiono viaggi di oltre un'ora dai comuni vicini a Palermo (quelli che non dispongono di un istituto superiore) per portare i propri ragazzi a scuola.

Fabrizio, nato con un'ipossia da parto, ha difficoltà motorie e utilizza una carrozzina. Il suo viaggio verso la scuola inizia ogni mattina alle 7 e dura più di un'ora. Alle 8.30 entra a scuola, ma sua madre Lia è costretta ad aspettarlo tra bar e negozi fino alle 15. Questo accade ogni giorno. Le autorità, da due anni, si passano la palla sulle competenze e nessuno fa nulla per risolvere il problema delle tante famiglie come quella di Fabrizio. Il loro racconto a Le Iene.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali