FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Troppi strafalcioni, ecco i corsi di italiano per italiani": lʼiniziativa di un Comune della Bergamasca

Lʼassessore alla Cultura di Bariano, Marino Lamera, ha dato il via al progetto "Cinque ri-passi della grammatica": 15 gli iscritti; tra loro anche alcuni stranieri con livello di lingua avanzato

"Troppi strafalcioni, ecco i corsi di italiano per italiani": l'iniziativa di un Comune della Bergamasca

L'assessore sale in cattedra e bacchetta i suoi concittadini, o, meglio, i suoi 4.300 concittadini: "Troppi strafalcioni, tornate a scuola". Così a Bariano, nella Bergamasca, sono partiti i corsi di italiano per... italiani. Il progetto voluto dall'assessore alla Cultura Marino Lamera prende il nome di "Cinque ri-passi della grammatica": sono 15 gli iscritti; tra loro anche alcuni stranieri con livello di lingua avanzato. Ma le lezioni sono pensate per barianesi che hanno dimenticato la grammatica della madrelingua e scrivono "ha" senz'acca e non usano correttamente il congiuntivo.

"Il corso è aperto a tutti – ha spiegato l’assessore alla Cultura Marino Lamera a L'Eco di Bergamo – ma non è un corso di alfabetizzazione per stranieri, lo abbiamo pensato proprio per i barianesi e infatti lo abbiamo chiamato 'Cinque ri-passi della grammatica', in ogni caso si sono iscritti anche alcuni stranieri che però avevano una conoscenza dell’italiano più avanzata".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali