FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Banca Etruria, dichiarata lʼinsolvenza Procura verso inchiesta per bancarotta

Rigettata lʼeccezione di costituzionalità presentata da Lorenzo Rosi, ultimo presidente dellʼistituto di credito. Se la Procura aprisse il nuovo fascicolo potrebbero finire indagati lo stesso Rosi e i due ex vicepresidenti, Alfredo Berni e Pierluigi Boschi

Banca Etruria, dichiarata l'insolvenza Procura verso inchiesta per bancarotta

Il Tribunale di Arezzo ha dichiarato lo stato di insolvenza di Banca Etruria. La decisione è stata presa dal collegio fallimentare, a cui la richiesta era stata sottoposta dal commissario Giuseppe Santoni. E' stata invece rigettata l'eccezione di costituzionalità sul decreto salvabanche presentata dagli avvocati di Lorenzo Rosi, ultimo presidente dell'istituto di credito toscano.

La decisione apre la strada all'apertura, da parte del procuratore Roberto Rossi, del quinto fascicolo su banca Etruria, nel quale questa volta potrebbe essere ipotizzato il reato di bancarotta fraudolenta nei confronti degli ex amministratori. Sul registro degli indagati, in questo caso, potrebbero finire Rosi ma anche i due ex vicepresidenti, Alfredo Berni e Pierluigi Boschi (padre del ministro Maria Elena).

L'avvocato Michele Desario, difensore di Lorenzo Rosi, da parte sua ha fatto sapere che aspetta di leggere il provvedimento, ma che appare scontato il ricorso da parte della difesa alla corte d'Appello di Firenze.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali