FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

"Lo prevede la legge Salvini" e si fanno dare soldi e gioielli: arrestati tre rom a Genova

Tre sinti si fingevano direttori di banca per raggirare anziani citando una finta normativa. Agivano tra Piemonte, Liguria e Lombardia

"E' la legge Salvini": citando una fantomatica normativa che riportava il nome del ministro dell'Interno, tre truffatori raggiravano anziani tra Piemonte, Liguria e Lombardia, costringendoli a dichiarare l'oro in possesso. Fingendosi, infatti, direttori di banca, i tre, sinti, si facevano così consegnare gioielli e denaro. Da ultimo, prima di venire ammanettati dalla squadra mobile di Torino che li aveva intercettati a Genova, hanno convinto un'anziana a consegnare loro denaro, monili e bancomat, con tanto di pin.

Ai tre sinti, Armandino e Irma Cena, 45 e 51 anni, ed Erika Grimaldi, 46 anni, nel corso di alcune perquisizioni, i poliziotti hanno sequestrato una Porsche Macan, utilizzata per mettere a segno i colpi, più di una cinquantina secondo l'accusa.

Nell'ambito del Progetto Medusa, per il contrasto delle truffe agli anziani, è finito in manette anche Simone Lakatosk, polacco 22enne, perché, con un complice 17enne che è stato denunciato, ha cercato di truffare un anziano a Torino. Nella sua cantina a Novara, gli agenti hanno trovato cellulari, venti schede sim e numerosi oggetti in argento rubati.

"Si tratta di una criminalità fluida - spiega il questore di Torino Francesco Messina. - Di persone che, ogni mattina, come pescecani, escono per colpire i più deboli". "Siamo sulla strada giusta - interviene il dirigente della Squadra Mobile del capoluogo piemontese, Marco Martino. - Se nel mese di aprile abbiamo avuto 32 truffe, ad agosto siamo arrivati a 4".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali