FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Muore e lascia un milione di euro al cane. Eʼ una fake news?

Milano, protagonisti il bastardino Tor e il suo padrone Pasquale Rizzo. Ombre sullʼattendibilità della notizia

Muore e lascia un milione di euro al cane. E' una fake news?
Fonte AVELLINOTODAY

La notizia del cane Tor, un bastardino ospitato in un canile di Milano, erede di una fortuna del valore di un milione di euro, sarebbe una fake news in cui Tgcom24, come molte altre testate nazionali e locali sono incappati. La notizia riferiva di Pasquale Rizzo, ex dipendente delle Ferrovie dello Stato originario di Avellino, per anni residente a Milano e della sua scelta di lasciare l'affezionato quattrozampe suo erede universale.

Nella vicenda entrano in gioco anche due nomi: quello dell’avvocato Andrea Ferrari e quello di Antonio Zaccagni, "amico da oltre 20 anni del defunto" presunto esecutore testamentario, necessario perché in Italia, a differenza che in altri Paesi, l’ordinamento giuridico non prevede la nomina di un animale come erede diretto

Tgcom24 per avere una conferma ha provato a contattare telefonicamente il legale, che però non ha mai risposto. Antonio Zaccagni, presunto amico del protagonista della vicenda, dopo aver confermato la notizia e dato la disponibilità a farsi intervistare, si è reso irraggiungibile.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali