FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Droga, cellulari e schede telefoniche ai detenuti di Velletri: 14 arresti

Coinvolti anche un agente di polizia penitenziaria e un infermiere. Perquisizioni anche a Civitavecchia, Frosinone, Rebibbia, Regina Coeli, Campobasso, Viterbo e Spoleto

Droga, cellulari e schede telefoniche ai detenuti di Velletri: 14 arresti

Quattordici persone sono state arrestate a Roma con l'accusa di aver permesso l'introduzione nel carcere di Velletri di droga, cellulari e schede telefoniche da destinare ai detenuti. Tra i coinvolti anche un agente della polizia penitenziaria e un infermiere in servizio all'interno del carcere. Perquisizioni anche negli istituti di pena di Civitavecchia, Frosinone, Rebibbia, Regina Coeli, Campobasso, Viterbo e Spoleto.

"Siamo in tre in cella e parliamo tutti al cellulare" - "Adesso in cella siamo in tre, tutti e tre a parlare al telefono". Questo il testo di una delle numerose intercettazioni effettuate dai carabinieri nell'ambito dell'inchiesta. Nei quattro mesi di intercettazioni telefoniche ed ambientali, i militari sono riusciti anche a sventare il progetto di un'evasione dall'istituto penitenziario di Velletri.

"Pizzini" per far entrare in carcere cellulari e droga - Non erano solo i cellulari i "mezzi di comunicazione" usati all'interno del penitenziario: durante l'operazione "Input" sono stati infatti rinvenuti anche numerosi "pizzini" con i quali un detenuto chiede allo zio di portargli cellulari e farmaci. "Qui c'è un infermiere che mi viaggia già - scrive il nipote -, gli do il tuo numero. Devi farmi entrare un telefono piccolissimo con due schede e un po' di pasticche...".

Procuratore Velletri: "Preoccupa diffusione fenomeno" - "C'è preoccupazione per la potenziale diffusione del fenomeno. Sorprende la facilità con cui i detenuti riuscivano a introdurre droga e cellulari in carcere". Queste le parole del procuratore di Velletri, Francesco Prete. "Non si possono escludere fenomeni analoghi altrove. Di sicuro sono stati riscontrati a Velletri, Rebibbia e Viterbo", ha quindi aggiunto il procuratore prevedendo sviluppi dell'indagine anche in altre carceri italiane.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali