FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Violentata su una spiaggia a Rimini: "Parlavamo, poi sono iniziate le botte"

Caccia al branco: la polizia al lavoro con le immagini delle telecamere di sicurezza e con unʼimpronta digitale che indirizzerebbe lʼindagine verso il mondo dello spaccio e degli immigrati clandestini

Potrebbero avere le ore contate i quattro uomini che nella notte tra venerdì e sabato sulla spiaggia di Rimini hanno violentato una 26enne polacca e picchiato un suo amico. "Prima volevano attaccar bottone, poi siamo andati sulla sabbia, hanno picchiato il mio amico e mi hanno portato in riva al mare per...", ha raccontato la ragazza.

I responsabili avrebbero meno di 30 anni e sarebbero nordafricani. La squadra mobile della questura ha setacciato il lungomare di Miramare, i locali notturni, le colonie abbandonate e le vie traverse della Statale per trovarli. Gli investigatori sarebbero in possesso di alcune immagini di telecamere di videosorveglianza e di un'impronta che indirizzerebbe l'indagine nel circuito del mondo della notte, dello spaccio e degli immigrati clandestini.

L'ipotesi più accreditata è quella che almeno un paio del branco facciano base in Romagna, forse spacciando. Così come si ipotizza che il fatto che si siano spostati dal lungomare fino alla Statale a piedi, per violentare la prostituta transessuale, sia stato perché stavano tornando verso l'alloggio che occasionalmente occupano. Non si esclude alcuna pista, ma probabilmente i magrebini potrebbero essere stati ospitati in Riviera solo per l'estate, dove si sono mantenuti spacciando.

Rimini, caccia al branco di stupratori

Il ragazzo: "Ho capito troppo tardi cosa stava succendendo" - Come riporta il "Corriere della Sera", il ragazzo, anche lui un polacco di 26 anni, ha raccontato di essere stato colpito con una bottiglia: "Cercavo di capire cosa volevano quei ragazzi, quando l'ho capito è stato troppo tardi, mi hanno colpito con una bottiglia".

"Pelle olivastra, forse nordafricani" - Quanto ai quattro aggressori, i 26enni hanno raccontato che avevano la "pelle olivastra" e che "sembravano nordafricani": una descrizione scarna che però collima con quella del trans peruviano che, stando a quanto ricostruito dagli investigatori, il gruppo avrebbe aggredito e violentato poco dopo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali